Truffa online: incassa i soldi ma non spedisce l'articolo

In corso gli accertamenti dei carabinieri di Bellusco che stanno facendo luce su quanto accaduto a un 38enne di Mezzago che ha acquistato un telefono da un sito di e-commerce senza vederselo recapitare

Un modo per fare soldi facili e truffare chi confida nell'affidabilità delle trattative commerciali su siti online.

Sono state queste le prospettive che hanno portato un 40enne originario di Pescara, già noto alle forze dell'ordine per precedenti, a mettere in vendita un Iphone 4 sul sito Mac-Exchange senza nessuna intenzione di spedire l'articolo dopo aver ricevuto il pagamento.

L'uomo è riuscito a trovare come acquirente un 38enne di Mezzago che per comprare il telefono ha versato regolarmente la somma pattuita dal venditore pari a 170 euro tramite poste-pay.

In seguito alla transazione però non è avvenuta la spedizione della merce e il caso è approdato con una denuncia alla caserma dei carabinieri di Bellusco.

Da qui sono partiti gli accertamenti che hanno portato le forze dell'ordine a individuare e a deferire in stato di libertà per truffa aggravata un 40enne di Pescara. 

L'uomo inoltre si è reso anche responsabile di un furto di identità nei confronti di un pluripregiudicato che già da diversi anni è detenuto nel carcere di Pescara: le utenze telefoniche usate per portare a termine la trattativa e consumare la truffa infatti risultano intestate a questo soggetto che è estraneo ai fatti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento