Ubriaco sul treno, insulta il personale: in stazione arriva la polizia

L'uomo aveva insultato il capotreno che gli aveva chiesto di mettere giù i piedi dal sedile

Foto repertorio

Era seduto, completamente ubriaco, con i piedi appoggiati sul sedile di fronte a lui e quando il capotreno, passando, lo ha invitato a sedersi in maniera educata, ha insultato l'addetto. E' stato così che l'uomo, per paura di ritorsioni, ha avvisato dell'episodio la polizia di Stato che lunedì sera intorno alle 23 è intervenuta in stazione a Monza, a bordo del treno delle 23 10798 che effettua la tratta Bergamo/Milano.

Gli agenti del commissariato di Monza sono saliti a bordo del convoglio e hanno trovato D.K., 35 anni, senegalese, in uno stato di manifesta ubriachezza. Il 35enne ha reagito male alla vista degli uomini in divisa e si è alzato in piedi, sostenendo di non aver fatto nulla di male. Quando i poliziotti lo hanno invitato a scendere dal treno per effettuare i controlli senza provocare ritardi al convoglio, lo straniero ha tentato la fuga. Una volta giunto in prossimità della porta di uscita della carrozza ha spintonato i poliziotti nel tentativo di allontanarsi.

Sul suo conto è emerso un permesso di soggiorno scaduto in fase di rinnovo e numerosi precedenti di polizia per reati simili. Il 35enne è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale e sanzionato per ubriachezza molesta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

Torna su
MonzaToday è in caricamento