rotate-mobile
Vandali in azione

Qualcuno ha dato fuoco alla panchina "per le donne" in Brianza

A condannare il gesto è stato il sindaco brianzolo: "Il dispiacere di vedere deturpata una panchina che dovrebbe essere utilizzata anche per riflettere"

La targa annerita è ancora lì, sul giallo della panchina che oltre a essere un arredo urbano voleva diventare un simbolo per sensibilizzare la cittadinanza sull'endometriosi. Qualcuno però, forse per noia e sicuramente per mancanza di rispetto e senso civico, l'ha vandalizzata. A documentare quanto accaduto è stato il sindaco di Ornago, Daniel Siccardi, che ha commentato quanto successo.

"Quando abbiamo scelto di installare delle panchine colorate, a parte il decoro, l'obiettivo è stato quello di creare dei simboli che potessero rappresentare un profondo significato. Il dispiacere di vedere deturpata una panchina che dovrebbe essere utilizzata anche per riflettere.. è davvero un grande dispiacere" ha scritto sui social.

La panchina gialla a Ornago

La panchina gialla a Ornago è approdata lo scorso marzo nell'ambito del progetto EndoPank per sensibilizzare i cittadini e le nuove generazioni sul tema dell'endometriosi, una malattia ginecologica cronica che in Italia colpisce il 10-15% delle donne in età fertile (fonte Ministero della Salute) e consiste nell’insediamento e nella crescita fuori sede di tessuto endometriale, ossia la mucosa che riveste la parete interna dell’utero e che si sfalda durante il ciclo mestruale. Quella brianzola era stata la prima EndoPank lombarda.

"E' stata inaugurata la prima panchina gialla ENDOPANK della Lombardia per sensibilizzare sull’Endometriosi insieme all’Associazione “La Voce di una è la Voce di tutte ODV” avevano annunciato dall'associazione nel giorno dell'installazione. "Una panchina che vuole essere un simbolo dove fermarsi a riflettere, pensare e cercare di capire meglio cosa sia questa malattia. La speranza è che questa panchina non venga deturpata e non venga vandalizzata. Ringraziamo tutti coloro che hanno partecipato e hanno contribuito a questo momento" hanno spiegato dal municipio. 

Il progetto

"La sensibilizzazione nei confronti dell’endometriosi è sicuramente uno degli scopi principali della nostra associazione. Opuscoli, materiale informativo, dirette con medici e specialisti, banchetti informativi, eventi: tutto questo lo facciamo già ed è motivo, per noi, di grande soddisfazione. Da tempo, però, eravamo alla ricerca di “un qualcosa” che rimanesse nel tempo, per sempre. Un qualcosa che fosse visibile a chiunque, in ogni città italiana. Un qualcosa che non avesse una durata di un’ora, un giorno, una settimana, un mese, ma che continuasse nel futuro, per noi che viviamo nel presente e per le generazioni a venire" spiegano dall'associazione.

"Una panchina gialla in ogni città, paese, borgo italiano, una panchina con una targhetta esplicativa che informerà i passanti sul perchè della panchina colorata. Siamo certe che la curiosità nel sapere il motivo della colorazione di giallo delle ENDOPANK™ (e magari la loro collocazione nei pressi delle scuole) avvicinerà soprattutto le nuove generazioni e ci permetterà di arrivare al nostro principale obiettivo: informare, aiutare le adolescenti di oggi che saranno le donne di domani ad ottenere una diagnosi precoce per evitare danni permanenti ed invalidanti, conseguenze delle diagnosi tardive".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Qualcuno ha dato fuoco alla panchina "per le donne" in Brianza

MonzaToday è in caricamento