Il comandante dei vigili con la divisa delle Ss: “Basterebbe questa per sistemare le cose”

Bufera su Giorgio Piacentini, comandante della Locale di Biassono, per una foto su Fb

Piacentini con la divisa delle Ss

Vestito di tutto punto, in uniforme. Ma non la sua, quella della polizia locale di Biassono che “guida” da tre anni. Bensì, quella delle Ss, le “Schutz-staffeln”, le “squadre di protezione” di memoria nazista. Si è presentato così, venerdì sera, sui social, Giorgio Piacentini, comandante della Locale di Biassono. 

Nulla di male, secondo lui, se ha deciso di presentarsi in queste vesti sul proprio profilo social. Tanto di male, invece, secondo l’Anpi, secondo il sindaco del paese brianzolo e secondo tanti cittadini che proprio su Facebook gli hanno chiesto spiegazioni del gesto. 

E le spiegazioni, se possibile, sono state peggiori della foto, poi cancellata nel giro di un giorno. A chi gli chiedeva se quella fosse diventata la nuova divisa di servizio Piacentini ha infatti risposto: "Basterebbe una compagnia di queste per sistemare alcune cose”, con l’aggiunta: "Adesso la propongo al sindaco".

Sindaco che, evidentemente, non l’ha presa bene. Il leghista Luciano Casiraghi, primo cittadino di Biassono, ha tuonato: “È un atto folle. Mi hanno comunicato la cosa solo da poco. È un gesto fuori da ogni logica. Si poteva vestire da pagliaccio, se voleva far ridere qualcuno. Stiamo già organizzando una giunta straordinaria per le prossime ore e poi vedremo così ci dirà il diretto interessato. Di certo non si deve azzardare, nemmeno per scherzo a propormi di far indossare quelle uniformi alla polizia locale. Nei prossimi giorni, poi, valuteremo se prendere provvedimenti nei suoi confronti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A quel punto, Piacentini ha tentato una difesa disperata: “"Sono un appassionato di storia e faccio parte di un gruppo impegnato in rievocazioni storiche. Ho molti costumi e quello della foto è solo uno dei tanti. Le risposte che ho dato su Facebook a chi mi chiedeva qualcosa - ha concluso - erano solo delle boutade".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento