rotate-mobile
Cronaca Vimercate

Folle aggressione in strada per gelosia, botte alla ex per rubarle il telefono: arrestato

A chiamare i carabinieri e chiedere aiuto sono stati alcuni passanti sabato pomeriggio in via Brianza a Vimercate. La vittima - una 50enne - è finita in ospedale

L'ha spintonata fino a farla cadere a terra, in strada. Poi l'ha afferrata per i polsi e l'ha colpita con due schiaffi alla testa per strapparle di mano lo smartphone e fuggire via. Una aggressione a scopo di rapina dettata dalla gelosia quella che si è consumata a poche centinaia dal centro di Vimercate sabato mattina, nella zona residenziale di via Brianza.

VIDEO | Picchia ex per il telefono e la manda in ospedale

 A chiedere l'intervento dei carabinieri sono stati alcuni passanti che hanno assistito attoniti alla violenta scena e dato l'allarme. Pochi minuti dopo la rapina il responsabile è finito in manette ed è stato arrestato: si tratta di un operaio di 37 anni di origine romena, residente in città, per cui ora in seguito alll’udienza di convalida è stato disposto il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa. La donna invece è stata soccorsa dai militari e accompagnata da un'ambulanza in ospedale a Vimercate per una “contusione alla testa, faccia e spalla” e dimessa con sette giorni di prognosi.

L'aggressione in strada per rubarle il telefono per gelosia

Tra la vittima - una donna di cinquant'anni originaria dell'Ucraina - e l'uomo c'era stata una relazione sentimentale poi interrotta per volontà di lei a dicembre, poco prima di Natale, dopo una convivenza durata quasi quattro mesi. Ma la folle gelosia del 37enne era proseguita anche oltre la convivenza e sabato è sfociata in una violenta aggressione in strada. L'intervento è scattato sabato 9 gennaio intorno alle 12 quando alcuni passanti hanno notato l'uomo avvicinarsi alla donna che camminava per strada e colpirla con spintoni e schiaffi alla testa fino a farla cadere e a strapparle lo smartphone di mano. I carabinieri si sono messi subito all'inseguimento del rapinatore che è stato fermato a meno di un chilometro di distanza dal luogo dell'aggressione con ancora in tasca il cellulare della donna. Per il 37enne le manette sono scattate in flagranza di reato per rapina e lesioni personali.

La gelosia e il divieto di usare i social e sentire gli amici

La vittima ha sporto denuncia e davanti ai militari brianzoli ha ammesso i continui maltrattamenti e le violenze, ripercorrendo inoltre le continue vessazioni subite dall’ex compagno da cui si era allontanata prima delle festività natalizie. L’operaio 37enne a partire dal mese di settembre 2020, aveva iniziato a controllare la vita della donna che lavora come badante, impedendole qualsiasi contatto con amici e parenti, vietandole anche di usare i social, riferendo che al culmine di alcune liti lo stesso le aveva distrutto i cellulari che aveva in uso. Pressioni e violenze psicologiche che non sono terminate nemmeno con l'interruzione della relazione e che sabato hanno portato l'uomo ad aggredire l'ex compagna in strada. L'incubo ora però è finito.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Folle aggressione in strada per gelosia, botte alla ex per rubarle il telefono: arrestato

MonzaToday è in caricamento