menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crisi Galimberti-Euronics, negozi chiusi e 250 lavoratori a rischio

La sezione fallimentare del Tribunale di Milano ha autorizzato la cessione dei sette punti vendita a marchio Euronics della Galimberti Spa

Nei prossimi giorni sarà più chiaro il futuro di Euronics-Galimberti. Sono a rischio quasi 250 posti di lavoro. Secondo quanto si apprende, la sezione fallimentare del Tribunale di Milano ha autorizzato la cessione dei sette punti vendita a marchio Euronics della Galimberti Spa, che da marzo 2020 è in amministrazione straordinaria. Tra questi anche i negozi brianzoli di Limbiate e Seregno.

"Il timore che nessuno presenterà offerte è vivo e con esso la preoccupazione per il futuro dei 250 lavoratori", scrive la Filcams-Cgil Lombardia in una nota: "La speranza è che ci siano imprese intenzionate a rilanciare questo storico marchio, che negli anni recenti ha avuto indubbi problemi, ma che nel tempo era diventato uno dei leader di mercato nel settore dell’elettronica in Lombardia".

"Va salvaguardato - continua la sigla sindacale - un patrimonio fatto in primis di persone, che operano da anni nei sette punti vendita del gruppo, la maggior parte dei quali situati in Lombardia, uno in Veneto. Una realtà che a maggio 2015 contava 480 lavoratori dipendenti e che ad oggi è arrivata ad averne meno di 250. Una situazione drammatica quella che stanno vivendo lavoratrici e lavoratori e che ormai si trascina da più di due anni".

Proprio nel 2015 è iniziata la crisi della Galimberti: negli anni si sono susseguiti due piani di salvataggio che non hanno portato ai risultati attesi. Con una situazione debitoria insostenibile, il risanamento è diventato impossibile. Il Tribunale fallimentare di Milano, a gennaio 2020, ha dichiarato l'insolvenza e due mesi dopo si è avviata l'amministrazione straordinaria.

"Nel caso non dovessero esserci offerte e di conseguenza verificarsi lo scenario peggiore, riteniamo debbano essere messi in sicurezza tutti i lavoratori, garantendo loro nel tempo i previsti ammortizzatori sociali e percorsi finalizzati alla ricollocazione", prosegue la nota di Filcams-Cgil Lombardia: "La crisi che vede protagonista il gruppo Galimberti-Euronics potrebbe non essere l’unica del settore, con conseguenze dirette per i lavoratori che ne fanno parte, per le loro famiglie e per il comparto".

Il sindacato conclude auspicando "riforme che superino le innumerevoli rigidità presenti sul tema delle politiche attive e favoriscano la riallocazione nel breve termine dei lavoratori".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Scuola

    Come sarà la maturità 2021? Tutte le risposte

  • social

    Festa del Gatto, dove adottare un felino a Monza

Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento