Cerimonia anniversario Guardia di Finanza: indagini e numeri delle Fiamme Gialle

Intensa l'attività dei militari del comando provinciale anche nei mesi di emergenza Coronavirus. Oltre 4mila interventi e 210 indagini nell'ultimo anno

Le celebrazioni a Monza

Quasi 5mila interventi e controlli e 240 indagini. Questi - in sintesi - i numeri della Guardia di Finanza di Monza per il 2019. Il bilancio è stato presentato in occasione delle celebrazioni per il 246° Anniversario della fondazione che ricorre il 23 giugno. Martedì nella sede del comando provinciale di via Manzoni si è tenuta una breve cerimonia in osservanza alle misure di contenimento previste per l’emergenza epidemiologica da Covid-19 a cui ha preso parte anche il prefetto di Monza, Patrizia Palmisani insieme a una rappresentanza di militari del Comando Provinciale, del Gruppo e della Compagnia alla sede oltreché dell’Associazione Nazionale Finanzieri d’Italia. 

Nel corso dell’anno 2019 i Reparti della Guardia di Finanza di Monza, Seregno e Seveso hanno eseguito 4.696 interventi ispettivi e 240 indagini delegate dalla magistratura ordinaria e contabile in tutti gli ambiti della propria missione istituzionale. Cifre, queste, che testimoniano l’intensificazione delle attività del Corpo contro i più gravi fenomeni di illegalità economico-finanziaria. 

Emergenza Covid

A seguito dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 il Corpo ha rivolto la propria azione contro gli illeciti economico-finanziari che, nel particolare momento che sta vivendo il Paese, destano maggiore preoccupazione: usura, riciclaggio, truffe e frodi in danno della popolazione, anche on line, pratiche commerciali scorrette e pericolose per i consumatori, manovre distorsive sui prezzi, indebite percezioni di risorse pubbliche, reati contro la Pubblica Amministrazione, frodi nelle pubbliche forniture e, più in generale, violazioni al Codice degli appalti. Oltre 6.000 i controlli svolti dai Reparti dipendenti del Comando Provinciale di Monza a partire dallo scorso mese di marzo per assicurare il rispetto delle misure di contenimento della pandemia da COVID-19, impiegando circa 1.500 militari: 103 i soggetti, a vario titolo, denunciati per violazioni commesse nel periodo dell’emergenza. 

Nei primi mesi del 2020, per i reati di contraffazione e frode in commercio nonché per violazioni alle norme in tema di sicurezza prodotti, sono stati denunciati 11 soggetti per i reati di frode in commercio, vendita di prodotti con segni mendaci, truffa, falso e ricettazione, constatate sanzioni amministrative e sottoposti a sequestro ingenti quantitativi di mascherine, dispositivi di protezione individuale e confezioni di igienizzanti (venduti come disinfettanti). Sono state sviluppate, poi, attività a contrasto di pratiche anticoncorrenziali e di manovre speculative commesse approfittando dell’aumento della richiesta di taluni beni. In questo ambito, si stanno approfondendo elementi sintomatici di condotte distorsive della corretta dinamica di formazione dei prezzi, con indagini finalizzate a risalire sistematicamente la filiera commerciale, fino alle strutture e ai soggetti del processo produttivo/distributivo dai quali hanno tratto origine le speculazioni. Nel complesso, durante l’emergenza epidemiologia da COVID-19, che ha interessato l’intero territorio nazionale, la Guardia di Finanza, in provincia, unitamente alle altre Forze di Polizia, ha assicurato l’attuazione delle misure di contenimento del contagio, attraverso l’impiego giornaliero di circa 20 militari.

Lotta all'evasione e lavoro nero

Evasione fiscale e frodi carosello sono stati alcuni dei fenomeni più gravi, pericolosi e diffusi sul territorio nazionale su cui si è concentrata l’attenzione della Guardia di Finanza al fine di contrastare gli effetti distorsivi della concorrenza provocati dalla grande evasione e dalle frodi fiscali, particolarmente dannosi soprattutto nei periodi di crisi. Un’azione che, nel corso del 2019, si è concretizzata nell’esecuzione di interventi ispettivi e di indagini delegate dalla magistratura, che hanno permesso di riscontrare 102 reati fiscali (principalmente riferibili all’utilizzo di fatture false, all’occultamento delle scritture contabili e all’omessa dichiarazione) e di denunciare altrettanti soggetti. Il valore dei beni sequestrati nella passata annualità per reati in materia di imposte dirette e IVA è risultato di 547.018 euro, mentre le proposte di sequestro al vaglio delle competenti Autorità Giudiziarie ammontano a 7.347.881 euro. 

Evasione fiscale ed economia sommersa

Sono stati 4 i casi di evasione fiscale internazionale scoperti, principalmente riconducibili a stabili organizzazioni occulte, estero-vestizioni della residenza fiscale, manipolazioni dei prezzi di trasferimento e illecita detenzione di capitali all’estero. Non meno significativo è stato l’impegno del Corpo a livello provinciale nel contrasto all’economia sommersa, come testimonia l’individuazione di 41 soggetti sconosciuti al Fisco (evasori totali), che hanno evaso complessivamente 5.626.749 euro di IVA. Inoltre, sono stati verbalizzati 34 datori di lavoro per aver impiegato 493 lavoratori in “nero” o irregolari. Ammontano, invece, a 20 gli interventi svolti nel settore delle accise, mediante l’esecuzione di mirate attività ispettive e di indagini di polizia giudiziaria nei confronti degli operatori addetti allo specifico comparto nonché dei soggetti beneficiari delle agevolazioni o esenzioni previste dalla normativa di settore. Nel settore del gioco illegale ed irregolare, sono stati eseguiti 16 controlli riscontrando 8 violazioni, che hanno consentito di irrogare sanzioni per complessivi 11.000 euro. 

Illeciti nella spesa pubblica

La Guardia di Finanza monzese ha sviluppato, nel corso del 2019, interventi volti al contrasto degli illeciti in materia di spesa pubblica ed a quelle condotte che, mettendo a rischio la legalità e la trasparenza che devono connotare l’azione della Pubblica amministrazione. In particolare sono stati 107 gli interventi complessivamente svolti a tutela dei principali flussi di spesa, dagli appalti agli incentivi alle imprese, dalla spesa sanitaria alle erogazioni a carico del sistema previdenziale, dai fondi europei alla responsabilità per danno erariale, cui si aggiungono 21 deleghe d’indagine concluse in collaborazione con la Magistratura ordinaria. Tra i controlli in materia di prestazioni sociali agevolate, all’indomani dell’introduzione del “reddito di cittadinanza”, il Corpo ha realizzato uno specifico dispositivo operativo volto al contrasto dei fenomeni di illecita apprensione del beneficio a tutela di coloro che hanno reale necessità di usufruire del sussidio. Gli interventi eseguiti hanno consentito di denunciare all’Autorità Giudiziaria 3 soggetti per le ipotesi di reato previste dalla normativa di settore. 

Criminalità organizzata 

La strategia perseguita dai Reparti del Corpo ha mirato al contrasto di ogni forma di infiltrazione e degli interessi finanziari, economici e imprenditoriali della criminalità organizzata ed economico-finanziaria, attività di assoluta rilevanza nello scenario che va a profilarsi, contraddistinto dall’urgente necessità di tutelare la sicurezza economico finanziaria a salvaguardia del “sistema Paese”, soprattutto nella delicata fase post emergenza pandemica da Covid-19. A seguito di specifiche richieste pervenute dalla locale Prefettura, sono stati esperiti 9 accertamenti riferiti alle verifiche funzionali al rilascio della certificazione antimafia. In materia di repressione del riciclaggio dei capitali illeciti sono state sviluppate 3 indagini di polizia giudiziaria, da cui è scaturita la denuncia all’Autorità Giudiziaria di 2 persone per i reati di riciclaggio e auto-riciclaggio. Con particolare riguardo al campo dei reati fallimentari sono stati operati sequestri di beni per un valore pari ad oltre 80 milioni di euro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Contraffazione

Tra le attività del Corpo svolte nel 2019 a tutela del mercato dei beni e dei servizi si pongono quelle a contrasto dei fenomeni di contraffazione di marchi registrati, usurpazione di indicazioni di origine e qualità delle merci, false attestazioni concernenti la corrispondenza dei prodotti agli standard di sicurezza previsti, nonché delle violazioni alla normativa sul diritto d’autore. In tali ambiti, i Reparti territoriali hanno effettuato 41 interventi e dato esecuzione a 6 deleghe dell’Autorità Giudiziaria, sottoponendo a sequestro 137.584 prodotti industriali contraffatti, con falsa indicazione del made in Italy e non sicuri. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In vacanza in Romagna vince 500.000 €: il proprietario del bar la riaccompagna in Brianza

  • Grande caldo e temporali: a Monza scatta l'allerta meteo della protezione civile

  • Birra, film, concerti e gite nelle grotte: ecco che cosa fare nel weekend a Monza e Brianza

  • Incendio a Brugherio, fiamme devastano un camper: alta colonna di fumo nero

  • Omicidio in Brianza, strangola la moglie a letto e finge caduta: donna muore in ospedale

  • Un malore lo sorprende: muore a 43 anni Gianluca De Martino, volto noto del calcio giovanile

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento