La novità / Cesano Maderno

Il comune brianzolo che diminuisce le rette degli asilo nido (e aumenta i posti)

Alle famiglie un contributo fino a 150 euro per sostenere le rette

Venti nuovi posti nell'asilo comunale e 59 in convenzione negli asili privati. E un sussidio fino a 150 euro a famiglia per contribuire al pagamento delle rette.

Il comune di Cesano Maderno ha deciso di rafforzare la rete dei servizi cittadini per l’infanzia aumentando i posti negli asili nido e riducendo le rette. Un progetto possibile grazie all’utilizzo del fondo nazionale 0-6 anni e del fondo statale di solidarietà comunale e che permetterà a tante famiglie con bimbi piccoli di tirare un sospiro di sollievo, specie in considerazione delle lunghe liste d'attesa nelle scuole dell'infanzia. 

20 nuovi posti al nido comunale e 59 in convenzione

Per quanto riguarda l’aumento della capacità ricettiva dell’asilo nido comunale Il Piccolo principe, gestito in concessione da Stripes, il comune deciso di aumentare i posti da 40 a 60, oltre all’overbooking, con decorrenza dall’anno educativo 2023 - 24, in considerazione della lista di attesa nella quale risultano presenti 29 bambini residenti. La spesa stimata per anno educativo, attraverso il fondo di solidarietà comunale, è pari a  66. 070 euro, allocati nel bilancio di previsione.

Saranno anche integrati gli arredi dell’asilo nido comunale per dotare la struttura di quanto necessario per ospitare fino ad un massimo di 70 bambini a partire dal prossimo settembre. La spesa a carico del comune è stimata in circa 10mila euro. L’amministrazione è ricorsa inoltre all’acquisto di posti in convenzione con gli asili nido privati già nell’anno educativo 2023 - 2024 per abbattere le rette a carico delle famiglie attraverso il fondo 0-6 anni. Si stimano 59 posti in convenzione, ripartiti in diversi nidi privati. La spesa prevista e già a bilancio è pari ad  97. 350 euro. 

I nidi che hanno aderito alla convenzione sono: L’Isola dei bimbi, Ronzonido, Asilo nido Baby school,  1, 2, 3 Stella e  Voglia di coccole. La capacità strutturale complessiva del sistema privato territoriale  sarà così pari a 209 posti (al netto dell’overbooking previsto dalla normativa regionale che corrisponde a 41 posti). 

Sussidi per le famiglie

Per le famiglie l'amministrazione ha poi pensato a dei contribuiti per alleggerire il peso delle rette. Sono previste fasce Isee fino a 40 mila euro: il contributo per la riduzione della retta sarà mensile e coprirà una percentuale della tariffa a carico delle famiglie residenti definita da ciascuna struttura. Per fasce Isee fino a 20 mila euro il contributo mensile erogato dal comune sarà di 150 euro, da 20mila a 30mila euro pari a 120 euro, da 30mila e 35mila euro di 90 euro, e da 35mila a 40mila euro di 60 euro.

A breve nuove convenzioni

L’amministrazione comunale sta inoltre definendo, sempre per il 2023 - 2024, la convenzione con le 4 scuole dell’infanzia cittadine a gestione paritaria (Ronzoni, San Pio X, Sant’Anna, Sant’Eurosia) di cui sostiene l’attività attraverso un finanziamento finalizzato al contenimento delle rette per le famiglie. L’investimento è di 200mila euro. Anche in questo caso l’obiettivo è quello di incentivare la frequenza delle scuole prima dell’età dell’obbligo, offrendo un ambiente sicuro e stimolante per i bambini e un supporto economico alle famiglie, che non vedranno aumentate le tariffe per l’anno scolastico 2023 - 2024.

Foto sindaco Bocca, assessora Arnaboldi e referenti asili nido

“L’amministrazione si è impegnata concretamente - ha spiega il Sindaco di Cesano Maderno Gianpiero Bocca - per affrontare le sfide legate alla crescita e al benessere dei bambini, con un particolare focus sull'espansione dei posti negli asili nido, il sostegno nel pagamento delle rette e il miglioramento complessivo dell'offerta formativa. L'obiettivo, raggiunto attraverso investimenti importanti, è quello di ridurre il peso economico per le famiglie e garantire l'accesso all'istruzione fin dalla prima infanzia”. “Già da quest’anno - ha poi aggiunto l’assessora all’Istruzione Rosanna Arnaboldi - con un impegno economico significativo e grazie al lavoro svolto con i referenti delle strutture cittadine, che ringrazio per la collaborazione, rendiamo più accessibili gli asili nido per tutti. È una grande sfida che può incidere positivamente anche sulla crescita demografica e sulla libertà delle donne con figli di continuare a lavorare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il comune brianzolo che diminuisce le rette degli asilo nido (e aumenta i posti)
MonzaToday è in caricamento