rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Attualità

Alla polizia locale 100mila euro per la lotta contro lo spaccio

Li ha stanziati il Pirellone per combattere lo spaccio nel Parco delle Groane

L'operazione "Progetto Parco" prosegue: dalla Giunta regionale sono stati stanziati 130mila euro per i controlli per debellare droga e delinquenza al Parco delle Groane e al Parco Pineta. 

Più precisamente 100mila euro per il Parco delle Groane e 30mila per il Parco Pineta. Fondi che verranno destinati per pagari gli straordinari agli agenti della polizia locale dei comuni coinvolti che da giugno a novembre di quest'anno saranno impegnati in attività di contrasto alla droga e alla delinquenza proprio in queste due grandi aree boschive della Lombardia. Per quanto riguarda i comuni brianzoli hanno aderito al progetto Meda, Limbiate, Seveso, Cesano Maderno, Cogliate, Ceriano Laghetto e Bovisio Masciago. Oltre all'ente Parco delle Groane e ai comuni di Bollate, Senago e Solaro. 

"L’obiettivo del progetto fortemente voluto e sostenuto da Regione - spiega l'assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato - è la restituzione e la fruizione sicura e serena dei parchi alla cittadinanza e rappresenta l’ennesima conferma del fatto che la regione c’è ed è sempre in prima linea, a supporto dei comuni e dei cittadini. Dopo il finanziamento per la video sorveglianza nei parchi, per il Parco delle Groane e il Parco Pineta arriva, infatti, anche il finanziamento per i servizi straordinari delle polizie locale. È ormai evidente che le aree boschive usate per lo spaccio sono un problema cogente che deve assolutamente essere affrontato in sinergia con tutti gli attori del territorio ed è proprio da questa considerazione che nascono gli accordi con le Prefetture e i Comuni territorialmente coinvolti.

Dal 2008 ad oggi sono state individuate 38 aree boschive in cui si spaccia droga, 'controllate' in gran parte dalle mafie africane. Solo per citarne alcune: il Parco del Bosco del Rugareto (che coinvolge le province di Milano e Varese) , il Parco Pineta (Como e Varese), il Parco del Lura (Como, Milano e Varese) e l’ormai famoso parco di Rogoredo, meglio conosciuto come “Bosco della droga”.

“I residenti in quelle zone sono ormai disperati e spaventati - conclude De Corato -. Dove infatti non accadeva quasi nulla e la vita scorreva tranquilla, oggi sono ricorrenti gli episodi in cui troppo spesso la criminalità organizzata la fa da padrone e arriva persino ad uccidere per controllare le vie dello spaccio. Lo scorso anno  il progetto che replichiamo oggi portò al  sequestro di armi e di sostante stupefacenti e all’arresto di alcuni spacciatori, a testimonianza del fatto che il presidio del territorio è l’unico efficace deterrente contro questa dilagante criminalità territoriale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alla polizia locale 100mila euro per la lotta contro lo spaccio

MonzaToday è in caricamento