rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Attualità

Si torna in scena, all'Unione Ciechi al via il laboratorio teatrale

L'iniziativa

Il sipario si era chiuso improvvisamente a febbraio 2020 quando era scoppiata l’emergenza sanitaria. Ora si riaprono le scene e si ricomincia a recitare.

Sabato 13 novembre open day del laboratorio teatrale organizzato dal Comitato di Monza dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti. Appuntamento alle 15.30 nella sede di via Tonale 4 con la presentazione del laboratorio.

L’iniziativa è aperta a tutti, non solo alle persone con disabilità visiva con il solo obiettivo di rendere il teatro accessibile a tutti, al di là dei limiti. Durante il percorso i partecipanti verranno coinvolti in una serie di giochi teatrali con l’obiettivo, attraverso la magia della scena, di acquisire maggiore conoscenza di se stessi e sicurezza, di socializzare, collaborare, divertirsi e giocare con il teatro andando oltre gli ostacoli della quotidianità. I partecipanti impareranno ad usare il proprio corpo e la propria voce, dando libero sfogo alle proprie sensazioni ed emozioni. Al termine del percorso verrà allestito e presentato uno spettacolo teatrale.

A guidare i partecipanti in questa entusiasmante avventura sarà Max Brembilla attore e regista teatrale con un prestigioso curriculum: formatosi alla scuola di recitazione bergamasca di Umberto Verdoni, ha frequentato laboratori con John Strasberg (Actor’s studio di New York) e  Ryszard Cieslak (attore di Grotowski), Julie Stanzak (danzatrice di Pina Bausch), attore del Laboratorio Teatro Officina (a Urgnano in provincia di Bergamo) con il regista Gianfranco Bergamini e, tra le varie attività di collaborazione nelle scuole di ogni grado, si aggiunge anche la collaborazione con i centri psichiatrici e le Rsa.

“Ingmar Bergman definiva il teatro un incontro tra esseri umani, il resto serve solo e soltanto a confondere - commenta Silvana Oliva, presidente dell’UICI di Monza -. Come nell’antica Grecia il nostro corso teatrale enfatizza e valorizza la condivisione di un percorso “senza limiti” e senza preclusioni. Un percorso perfettamente descritto da Giacomo, uno dei nostri soci che aveva partecipati al laboratorio e che nel suo diario di bordo scriveva che ‘ad un tratto ci si presenta davanti e all’improvviso un simpatico coniglietto da ammirare, l’istinto vorrebbe accarezzarlo, ma sparisce in un attimo’. Nonostante l’inevitabile fugacità dei momenti, irrompe forte l’esigenza di incontro per incrociare ogni nostra esperienza attraverso le naturali pulsioni della nostra natura. Collaborando insieme tutto è un divenire senza parametri, ci si reinventa di volta in volta, meravigliandoci di noi stessi e delle nostre facoltà. Il teatro dunque, quale rappresentazione della vita reale senza prendersi eccessivamente sul serio, asseconda la passione che ne scaturisce e ci permette di condividere insieme la bellezza e la dolcezza delle creatività”.

Per informazioni e prenotazioni inviare un’email a uicmon@uici.it, oppure telefonare allo 039.2326644. Ingresso con green pass.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si torna in scena, all'Unione Ciechi al via il laboratorio teatrale

MonzaToday è in caricamento