rotate-mobile
Attualità

Ora solare, quando spostare le lancette indietro di un'ora e cambiare l'orario

Ogni anno, ad ottobre, torna l'ora legale. Ecco perché e quando spostare le lancette

Nella notte tra sabato 24 e domenica 25 ottobre è necessario spostare indietro di un'ora le lancette degli orologi: l'orario torna ad essere quello previsto dal meridiano del fuso orario di riferimento. È la cosiddetta "ora solare", contrapposta all'ora legale.

Se l'ora legale è in vigore in tutti i Paesi ora parte dell'Unione Europea, in Svizzera e in diversi Stati dell'Est Europa solo dal 1916, l'ora solare è di fatto l'ora astronomica: corrisponde dunque all'ora del meridiano del fuso orario per quella zona.

Ora solare, quando entra in vigore 

L'ora solare scatta sempre nella notte tra l'ultimo sabato e l'ultima domenica di ottobre: è in quel giorno che, alle 3 del mattino, le lancette devono essere spostate indietro di un'ora. Al contrario, l'ora legale scatta tra l'ultimo sabato e l'ultima domenica del mese di marzo, alle 2 del mattino, quando le lancette devono essere portate avanti di un'ora.

La scelta di adottare ora solare e ora legale risale al 1916. Il motivo? Agevolare il risparmio energetico, grazie ad un minore utilizzo dell'energia elettrica. In realtà, in Italia l'orale legale fu soppressa e ristabilita più volte: solo nel 1966 entrò in vigore in modo "fisso".

Nel 2019, il Parlamento Europeo ha votato per l'abolizione dell'ora legale a partire dal 2021. Ciò significa che rimarrà per sempre l'ora solare? Non esattamente. O meglio, ogni Stato può scegliere un suo fuso orario, decidendo se restare con l'ora solare o se adottare permanentemente l'ora legale.

L'ora solare cederà nuovamente il posto all'ora legale il 28 marzo 2021.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ora solare, quando spostare le lancette indietro di un'ora e cambiare l'orario

MonzaToday è in caricamento