menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Repertorio

Repertorio

Il supermercato alle porte della Brianza dove 'si fa la spesa gratis'

Si chiama Bottega della solidarietà e aprirà nei prossimi mesi a Cernusco sul Naviglio (Milano)

Si chiama Bottega della Solidarietà, è un supermercato speciale dove sarà possibile 'fare la spesa gratis' e aprirà nei prossimi mesi a Cernusco sul Naviglio, hinterland nord est di Milano. 

A promuovere l'iniziativa, che si rivolge alle persone bisognose, è la Comunità pastorale cittadina, che ha affidato alla Caritas e all’Associazione Farsi Prossimo Cernusco il compito di realizzarla. A breve dovrebbero partire i lavori di ristrutturazione del negozio di via Corridoni, di proprietà della Parrocchia San Giuseppe Lavoratore, dove sorgerà la Bottega. Nel frattempo la Caritas è alla ricerca di nuovi volontari per garantirne l’apertura settimanale nelle gior­nate di giovedì e venerdì dalle ore 16 alle ore 19.30 e sabato dalle 9alle 12.30.

Nel negozio potranno fare la spesa i nuclei familiari che, dopo aver contattato il centro di ascolto Caritas, avranno ricevuto in dotazione una tessera ad hoc. La quantità degli acquisti dipenderà dal numero di componenti della famiglia e dal reddito. Anche chi non si trova in difficoltà è comunque chiamato a partecipare al progetto, facendo volontariato del mini market o rifornendolo con gli alimenti necessari.

"La Bottega della Solidarietà – mette in luce l'ultima edizione del mensile della comunità pastorale, Voce amica – vuole essere un segno che dimostri l’attenzione delle parrocchie alle persone più bisognose e aiuti costantemente a riflettere sui temi del diritto al cibo e dello spreco alimentare. La crisi economica e il parallelo arretramento del sistema di protezione sociale hanno portato nuove famiglie a chiedere aiuto alle parrocchie sotto forma di generi alimentari".

"La Bottega della Solidarietà – continua il periodico – intende quindi dare una rispo­sta al bisogno alimentare delle famiglie cercando di co­niugare i seguenti obiettivi educativi, ambientali e sociali: rispondere ai bisogni di sussistenza di persone e fami­glie in difficoltà; superare il tradizionale sistema del 'pacco viveri', pro­muovendo autonomia; favorire l’autodeterminazione e la responsabilità nelle scelte mantenendo il rispetto della dignità della persona; recuperare le eccedenze alimentari; sollecitare la comunità civile a farsi carico del problema della sussistenza delle persone fragili; stimolare le comunità parrocchiali a condividere i propri beni con chi è in difficoltà; promuovere la crescita degli operatori coinvolti, che vengono sollecitati ad agire secondo una logica progettuale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento