rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca Carate Brianza

Anziana in fin di vita, aggressore in un ospedale psichiatrico

G.C., il trentasettenne che ha picchiato e ridotto in fin di vita una pensionata di Carate, è stato trasferito nel reparto psichiatrico del San Gerardo

Si chiudono le porte del carcere. Si aprono quelle dell'ospedale psichiatrico. G.C., l'uomo di trentasette anni che lunedì sera ha aggredito la settantottenne Francesca Consonni di Carate Brianza, riduecendola in fin di vita, è stato trasferito dal penitenziario di Monza al reparto psichiatrico dell'ospedale San Gerardo, dove è piantonato. 

Mercoledì, il gip del tribunale di Monza, Giovanni Gerosa, ha convalidato il fermo dell'uomo - accusato di tentato omicidio - e ne ha disposto il trasferimento nell'ospedale monzese. Il tutto in attesa che il pm Salvatore Bellomo chieda al giudice la misura di sicurezza per trasferire le indagini direttamente all'ospedale psichiatrico giudiziario di Castiglione delle Stiviere. 

Il pm ha già richiesto una prima perizia psichiatrica ieri pomeriggio, dalla quale sarebbero emerse una patologia schizofrenica e la pericolosita' sociale.

Dalle indagini partite subito dopo l'aggressione, è emerso infatti come il trentasettenne fosse da tempo in cura presso uno specialista privato per dei problemi psichiatrici, anche se la patologia non è mai stata diagnosticata, né certificata, dall'Asl. 

Alla luce dei problemi di salute dell'aggressore, il pm ha nominato un consulente allo scopo di accertare se l'aggressore fosse capace di intendere e di volere al momento del fatto. 

Il magistrato, qualora il perito lo definisse totalmente incapace di intendere e volere al momento dei fatti, chiederà il suo trasferimento all'ospedale psichiatrico giudiziario di Castiglione delle Stiviere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anziana in fin di vita, aggressore in un ospedale psichiatrico

MonzaToday è in caricamento