E' Renato Farina l'autore del pezzo che costerà il carcere a Sallusti

Il parlamentare e giornalista desiano ha confessato la paternità dell'articolo che è costato la condanna a 14 mesi di carcere per il direttore del Giornale. Ma ieri sera Vittorio Feltri l'aveva anticipato: "L'ho difeso tutta la vita, speravo avesse il coraggio di farsi avanti"

DESIO - Colpo di scena nel caso che potrebbe portare in carcere il direttore del "Giornale" Alessandro Sallusti: l'autore dell'articolo firmato "Dreyfus" che è costato la condanna a 14 mesi al giornalista è il parlamentare brianzolo, desiano di nascita,  Renato Farina. A rendere pubblico il nome dell'autore è stato Vittorio Feltri nel corso della trasmissione Porta a Porta.  Feltri, amico storico di Farina,  non è stato tenero. "Avevo sperato che avesse lui il coraggio di farsi avanti - ha detto il giornalista  - Adesso questo nome voglio farlo io, lo fanno molti. Ma è bene che sia conosciuto da tutti: si tratta di Renato Farina". Come riporta lo stesso quotidiano di via Negri, a telecamere spente Feltri si sarebbe sfogato: "L'ho difeso tuta la vita, speravo che avesse un minimo di coraggio, invece è un vigliacco. Speravo si prendesse le sue responsabilità: non si è verificata nè l'una nè l'altra cosa".

VIDEO - LA CONFESSIONE DI FARINA ALLA CAMERA

LA CONFESSIONE - Alle parole di Feltri, ha fatto seguito in mattinata la confessione dello stesso Farina. In un discorso alla camera, il parlamentare ha ammesso la paternità del pezzo: "Quel testo l'ho scritto io e me ne assumo la piena responsabilità morale e giuridica. Chiedo umilmente scusa al magistrato Cocilovo: le notizie su cui si basa quel mio commento sono sbagliate. Egli non aveva invitato nessuna ragazza ad abortire: la ha autorizzata, ma non  è la stessa cosa". Nell'articolo incriminato, Farina chiedeva la pena di morte per il giudice: "Qui ora esagero - si legge nel testo - ma prima doma­ni di pentirmi, lo scrivo: se ci fosse la pena di morte, e se mai fosse ap­plicabile in una circostanza, que­sto sarebbe il caso". Farina all'epoca dei fatti (2007) non poteva firmare i suoi pezzi: era stato radiato dall'Ordine dei Giornalisti per aver preso soldi dai servizi segreti (nome in codice: Betulla) nell'occasione del sequestro di Abu Omar. L'imam egiziano era stato rapito a Milano dai servizi segreti americani nel 2003 e portato in Egitto per essere torturato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

INTEMPERANZE - Farina nell'occasione si scusò con Vittorio Feltri, all'epoca suo direttore a Libero, in una lunga lettera pubblicata sul quotidiano: Feltri lo difese pubblicamente, nonostante le critiche. Negli anni ha assunto sempre più posizioni tecocon e provocatorie che avevano portato molti a individuare in lui l'autore del pezzo incriminato: una delle ultime "uscite" risale a febbraio, quando dichiarò pubblicamente che se Monti avesse tassato gli oratori, gli avrebbe "tagliato le gomme dell'auto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In vacanza in Romagna vince 500.000 €: il proprietario del bar la riaccompagna in Brianza

  • Birra, film, concerti e gite nelle grotte: ecco che cosa fare nel weekend a Monza e Brianza

  • Incendio a Brugherio, fiamme devastano un camper: alta colonna di fumo nero

  • Omicidio in Brianza, strangola la moglie a letto e finge caduta: donna muore in ospedale

  • Bollettino coronavirus: un nuovo caso Monza e la Brianza, crescono i ricoveri

  • Pustole e bruciori alla pelle dopo il bagno al lago: come si cura la dermatite del bagnante

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento