La felicità in tempo di crisi? Voto 7 per i brianzoli

Da un'indagine della Camera di commercio di Monza e Brianza i lombardi risultano ancora soddisfatti, con i giovani e i brianzoli più ottimisti. La casa resta una certezza, ma scende rispetto allo scorso anno il grado di soddisfazione, da 8,3 a 7,9, forse per colpa dell'Imu.

MONZA – Anche se cala la percezione della qualità della vita in Italia, i lombardi danno ancora voti alti alla propria condizione, e i brianzoli pure di più. Al punto che la felicità, anche nel cuore della crisi, ottiene ancora 7 di media.

E’ la Camera di Commercio di Monza e Brianza in collaborazione con DigiCamere ad aver svolto nei giorni scorsi l’indagine “Famiglie e consumi. Monza e Brianza e Lombardia” in cui, al campione di persone intervistate, è stato chiesto di dare un voto al alcuni degli elementi più significativi della propria vita, come la casa, il lavoro o il quartiere in cui risiedono. E l’unico elemento che, in media, non appaga completamente  i lombardi è la situazione economica.

Il 46% dei lombardi si dichiara, infatti, insoddisfatto della propria condizione, mentre a riportare su il grado di soddisfazione ci pensano salute (l’80% si dichiara soddisfatto), famiglia e amicizia (rispettivamente 93% e 89%) e tempo libero (77%). E sono i più giovani ad essere i più “ottimisti” in tutti gli aspetti della vita, mostrando un livello di soddisfazione maggiore.

Il reddito resta lo spartiacque, segnala lo studio: sotto ai 1.500 euro netti al mese, la qualità della vita per i lombardi risulta insoddisfacente. Le famiglie con reddito di oltre 3 mila euro al mese esprimono un grado di soddisfazione più alto. Nella “ricetta” della qualità della vita i lombardi assegnano all’ingrediente “casa” il voto di soddisfazione più alto 7,9 ma il giudizio è inferiore rispetto allo scorso anno (8,3) – forse per l’Imu - quindi al quartiere e al contesto in cui vivono (7,3); fanalino di coda il lavoro con un indice di 7,1 (in linea con lo scorso anno).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rispetto all’indice di felicità complessiva, sono le famiglie di Monza e Brianza e Bergamo le più ottimiste: attribuiscono un bel 7,1 alla qualità della loro vita. Le famiglie brianzole e bergamasche sono soddisfatte di più per casa, quartiere e lavoro (rispettivamente 8, 7,1 e 7,2 per Monza e Brianza e 8, 7,5 e 7,6 per Bergamo). Più ottimisti sul futuro sono in Brianza: le famiglie danno alla qualità della propria vita in futuro un 6,4. A Milano, rispetto allo scorso anno, sale la soddisfazione rispetto alla qualità della vita presente, in linea con lo scorso anno (da 5,9 a 6,1). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alla scoperta dei paradisi lombardi, per sentirsi come ai Caraibi (o quasi)

  • Incendio a Brugherio, fiamme devastano un camper: alta colonna di fumo nero

  • Tangenziale Est, chiusi per due settimane gli svincoli in Brianza tra Vimercate e Arcore

  • Birra, film, concerti e gite nelle grotte: ecco che cosa fare nel weekend a Monza e Brianza

  • Coronavirus, parte dal San Gerardo la sperimentazione del vaccino "made in Monza" su 80 volontari

  • Incidente con un camion in A1 mentre viaggia per lavoro: Stefano muore a 24 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento