rotate-mobile
Martedì, 27 Settembre 2022
Polemiche / Seveso

Il sexy bike-washing alla notte bianca accende la polemica : "Spettacolo indegno, sessista"

Alcuni cittadini - e esponenti politici - hanno preso le distanze dall'iniziativa organizzata nell'ambito della serata

Il trenino per le vie della città, i negozi aperti, lo schiuma-party e una serata di festa che ha portato a Seveso, lo scorso sabato 10 settembre, tantissime persone. Un successo di pubblico per la notte bianca, rimarcato anche dall'amministrazione comunale. "Impossibile quantificare numericamente quante persone sabato sera hanno affollato le vie del centro. Di certo, come testimonia la foto-gallery, eravate in tantissimi, nell'ordine delle migliaia e molte provenienti anche dai paesi limitrofi" hanno fatto sapere dal municipio, condividendo sui social anche una selezione di immagini della serata. Ma non sono mancate le polemiche.

"Spettacolo indegno, sessista"

Qualcuno ha preso le le distanze da una delle iniziative collaterali organizzate nella serata che ha visto il coinvolgimento di giovani ragazze per una attività di bike-washing. "Sabato sera alla notte bianca passeggiando tra bancarelle, schiuma party e artisti di strada i sevesini si saranno certamente imbattuti nel bike wash ovvero due giovanissime ragazze in shorts inguinali e top striminzito che con pose sexy lavavano le moto mentre una schiera di uomini guardavano divertiti,scattandosi selfie, le giovani fanciulle. Possibile che non si riesca a fare festa senza dover usare il corpo femminile come oggetto? Il sexy bike wash proposto con il beneplacito dell’amministrazione comunale è stato uno spettacolo indegno, sessista, umiliante per tutte le donne e anche per gli uomini, inadatto e diseducativo per i minori" si legge in un intervento su iniziativa di un gruppo di privati cittadini sottoscritto anche dal capogruppo del Partito Democratico in consiglio comunale e segretario del PD di Seveso, Gianluigi Malerba.

"Riteniamo inaccettabile che in un evento patrocinato dal Comune e promosso dalla Proloco si assista a uno spettacolo indecoroso che da un messaggio così negativo (con tanto di foto sul profilo Facebook istituzionale), messaggio che contraddice gli scopi istituzionali dell’ente stesso; l’Italia, purtroppo, è al 63° posto per parità tra uomo e donna e alla politica viene chiesto di promuovere iniziative che riducano il divaritra i generi anziché ampliarlo" continua la nota.

"Ragazze usate come panno di daino per pulire moto"

"È questa la visione del mondo femminile che l’attuale giunta e la sindaca vogliono proporre alla città di Seveso: due ragazzine utilizzate come panno di daino per pulire le moto? Chiediamo una presa di distanza forte da questa visione e da questo modo di utilizzare le donne, perché altrimenti è inutile riempirsi la bocca di proclami e le mani di eventi il 25 novembre (giornata contro la violenza di genere) se poi non pratichiamo, ogni giorno, il rispetto della donna". Diversi i firmatari che hanno sottoscritto l'intervento, tra cui molte donne.

Dello stesso parere anche il circolo del Pd di Seveso che ha criticato il fatto che la delibera relativa alla ricerca di oganizzatori dell'evento "non dava indicazioni progettuali, tematiche o di attenzione estetica o artistica". E ancora "Non si tratta di essere bacchettoni ma di far notare che il Comune in quanto Istituzione non può patrocinare e finanziare con soldi pubblici manifestazioni senza conoscerne i contenuti e/o la
sceneggiatura. La raffigurazione della donna così come l’abbiamo vista rappresenta uno stereotipo che invece dovremmo
respingere tutti insieme" specifica Gianluigi Malerba, segretario del circolo cittadino.

"L’Amministrazione guidata da Fratelli d’Italia e Lega per Salvini ha rifiutato, ricordo il patrocinio al Gay Pride di Monza a titolo gratuito, non accettando quindi una diversità di genere, ma evidentemente non ha difficoltà a finanziare manifestazioni dove la rappresentazione della donna evidentemente si assimila con il motto di FDI “Dio Patria e Famiglia” o di quella di Lega per Salvini “identità e tradizione”. Forse saremmo stati meno provinciali e grezzi se quel sexy bike wash avesse visto anche la partecipazione di un muscoloso ometto preso nella danza di lavare i pistoni della moto. Un’idea che diamo alla nostra Sindaca di Seveso per l’edizione 2023" conclude.

Ndr. Abbiamo interpellato anche l'amministrazione comunale di Seveso e il sindaco Alessia Borroni e siamo in attesa di ricevere eventuali dichiarazioni. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sexy bike-washing alla notte bianca accende la polemica : "Spettacolo indegno, sessista"

MonzaToday è in caricamento