Rivolta al centro accoglienza: liberati i quattro giovani che sequestrarono un mediatore

I giovani sono stati scarcerati dal gip del tribunale di Monza. I dettagli

Immagine repertorio

Sono stati scarcerati i quattro richiedenti asilo che nella giornata di giovedì 24 gennaio avevano aggredito, malmenato, minacciato e sequestrato un mediatore culturale pachistano di 28 anni all'interno della cooperativa sociale "I girasoli" di Via Viganò a Carate Brianza. Il gip del tribunale di Monza Silvia Pansini, infatti, ha convalidato l'arresto dei quattro nordafricani, ma ha disposto la scarcerazione.

Ai giovani — un gambiano di ventiquattro anni, due nigeriani di ventitré e un terzo di venti anni — sono state revocate le misure istruttorie: non potranno più vivere nel centro di accoglienza della cooperativa, ma sono liberi sul territorio italiano perché hanno in corso la richiesta di asilo.

La rivolta al centro di accoglienza: il fatto

Tutto era accaduto intorno alle 12 quando i quattro avevano aggredito e preso in ostaggio un 28enne pakistano, operatore della struttura. 

La vittima, dopo essere stata picchiata, era stata legata e chiusa in bagno per venti minuti. Finito il "sequestro lampo", i quattro avevano deciso di prendere di peso il mediatore culturale e lo avevano trascinato nel giardino, dove lo avevano colpito ancora con calci, schiaffi e pugni e lo avevano minacciato puntandogli contro un coltello con una lama da venti centimetri. Gli altri ospiti del centro - in tutto ventitré - avevano assistito alla violenza senza partecipare, ma senza neanche cercare di aiutare in qualche modo il pakistano. 

Era stato lui stesso, in un momento di distrazione dei suoi aguzzini, a riuscire a inviare un messaggio al gestore della struttura, un tunisino di trentuno anni, che ha a sua volta allertato il 112. In via Viganò erano quindi immediatamente arrivate quattro pattuglie dei carabinieri, che dopo una lunga e delicata trattativa avevano bloccato i quattro e liberato l'ostaggio. 

All'arrivo in caserma con i fermati, però, i militari avevano trovato ad attenderli oltre dieci uomini - anche loro "residenti" del centro - che volevano manifestare "solidarietà" agli arrestati e che sono stati allontanati dopo qualche attimo di tensione. A quel punto, per i quattro - tutti richiedenti asilo - erano scattate le manette con le accuse di sequestro di persona, lesioni e minacce aggravate in concorso e si sono aperte le porte del carcere di Monza. Il pakistano sequestrato, sotto shock e ferito, è stato invece portato all'ospedale di Carate. 

A causare la rivolta - stando a quanto accertato dai carabinieri, che stanno ora indagando - sarebbe stata la rabbia dei giovani che, almeno così hanno raccontato, a dicembre non avrebbero ricevuto il loro "pocket money" di 2,50 euro al giorno. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • Accoltella moglie in strada e inventa rapina, in casa droga: arrestato per tentato omicidio

Torna su
MonzaToday è in caricamento