Cronaca

Strage di Dacca, autopsia sul corpo dell'imprenditore brianzolo: segni di tortura

La salma, dopo il rientro in Italia, è stata riconsegnata alla famiglia. In programma per venerdì pomeriggio i funerali a Barzanò

Segni di tortura e di mutilazioni sui corpi delle vittime della strage di Dacca. È atroce e doloroso quanto emerge dalle autopsie effettuate mercoledì dopo il rientro delle salme dal Bangladesh. Tra le vittime italiane morte nell'attentato di Dacca c'è anche Claudio Cappelli, imprenditore brianzolo residente a Barzanò dove l'intera comunità si è stretta accanto al dolore delle famiglie ed è addolorata per la perdita di un uomo conosciuto e apprezzato.

Gli esami autoptici hanno rivelato che la morte per le vittime è stata lenta e dolorosa e i corpi, seviziati e mutilati, ne portano traccia, sfregiati non solo dai segni di proiettile, ma anche di machete. Le salme - concluse le autopsie - sono state riconsegnate ai familiari, in attesa del giorno delle esequie. I funerali di Claudio Cappelli si terranno venerdì pomeriggio a Barzanò.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage di Dacca, autopsia sul corpo dell'imprenditore brianzolo: segni di tortura

MonzaToday è in caricamento