Venerdì, 22 Ottobre 2021
Economia Usmate Velate

Viesse, rischio chiusura dopo l'arresto del fondatore

Oltre mille e ottocento persone (di cui ottocento in Lombardia) rischiano il posto: la Camera del Lavoro di Milano chiede un incontro coi prefetti della regione

Dopo l'arresto del fondatore, accusato di una maxi frode al fisco, rischiano il posto 1.870 dipendenti del gruppo Viesse International, attivo nei settori delle pulizie, della ristorazione e della vigilanza.

L'uomo, un imprenditore di Monza, era stato arrestato il 20 settembre: avrebbe frodato al fisco 50 milioni di euro. La Camera del Lavoro di Milano annuncia ora il rischio enorme per i lavoratori, 1.870 in tutta Italia e 800 nella sola Lombardia. Il sindacato ha chiesto un incontro con i prefetti per il 27 novembre, al fine - si legge in una nota - di "garantire ai lavoratori la continuità lavorativa e il rapido accesso agli ammortizzatori sociali".

Il quartier generale della Viesse International, il cui gruppo è composto da dieci società, è a Usmate Velate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viesse, rischio chiusura dopo l'arresto del fondatore

MonzaToday è in caricamento