Provincia Monza, approvato Ptcp: svolta nell'urbanistica in Brianza

E' l'atto più importante della giunta Allevi. La votazione decisiva nella seduta di mercoledì sera. Non belligeranza del Pd che si è astenuto, contraria l'Italia dei Valori.

La provincia di Monza e Brianza

MONZA - L'assemblea provinciale ha approvato il Ptcp (Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale), il principale strumento di armonizzazione urbanistica del territorio. Una decisione da prendere a tappe forzate, considerati i rischi cui la provincia di Monza e Brianza è sottoposta -  mai definitivamente allontanati - , e che ha visto un insolito calderone bipartisan. 

Il testo è stato approvato con i voti di Pdl e Lega Nord e l'astensione di Pd e Lista Ponti: una non opposizione che si è rivelata determinante per stringere i tempi e mettere al sicuro il documento che potrebbe rappresentare il maggior lascito dell'esperienza amministrativa dell'ente. L'unico voto contrario è stato quello di Sebastiano La Verde, dell'Italia dei Valori.

GIORNATA STORICA - "E' una giornata storica - ha esordito il presidente della Provincia Dario Allevi - una giornata che darà alle generazioni future una Brianza più giusta, più sostenibile e vivibile: una rivoluzione culturale di fronte al far west degli ultimi anni". Il PTCP punta sulle aree dismesse: 113 su tutto il territorio provinciale, alcune delle quali, come la Lombarda Petroli di Villasanta, di dimensioni rilevanti.

DUBBI SUI SINDACI - "Il documento è migliorato rispetto alla fase di adozione, quando ci eravamo espressi in maniera contraria. Per questo non ci siamo opposti". A parlare è Domenico Guerriero, capogruppo Pd - "In un certo senso, ci sentiamo dei giganti rispetto a Roma, soprattutto dopo giornate come quella di ieri (con la sospensione dei lavori del Parlamento, ndr)". Poi la stoccata.  "Ribadisco - ha proseguito il politico -  l'importanza della Provincia come ente con una visione territoriale più ampia: se dovesse essere abolita, temo che i sindaci non riusciranno a proseguire il lavoro allo stesso modo". 

I NUMERI - In Brianza le aree urbanizzate hanno già raggiunto il 54% del territorio complessivo, per una superficie pari a 218 kmq. Il consiglio provinciale ha confermato la proposta della Giunta che prevede di vincolare il 91,9% della superficie restante. Il vincolo è stato posto utilizzando gli stumenti di salvaguardia previsti dalla legge: Parchi Regionali (67,15 kmq), PLIS (847,83 kmq), Ambiti Agricoli Strategici (100,49 kmq), Rete Verde di Ricomposizione (120, 13 kmq) e Ambiti di interesse provinciale (21,07 kmq). Restano libere aree pari a 15,20 kmq, pari al 3,7% dell'intera superficie: ma anche su queste verranno applicate le misure di compensazione previste per gli interventi a consumo di suolo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parcheggia l'auto e va al cinema, due ore dopo la trova "sventrata" e senza volante

  • Gita da Monza, una giornata a bordo del Treno del Foliage per vivere la magia dell'autunno

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Coronavirus, boom di casi a Monza e Brianza (+180): nuovi ricoveri al San Gerardo

  • La "gardella hash", la nuova potentissima droga sequestrata a Monza

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento