"Legalizzare è giusto": Civati 'si presenta' con una canna

Il deputato del partito democratico ha partecipato a un convegno, da lui organizzato, sulla legalizzazione della marijuana. E a fine incontro è stato protagonista di un simpatico siparietto

Civati al convegno (Foto da Fb Michela Cella)

Informare, capire, conoscere. E, alla fine, liberalizzare. Non ha dubbi Pippo Civati: “Legalizzare la marijuana è giusto e conviene”. E’ proprio questo il titolo del convegno che il deputato dem ha organizzato e presieduto lunedì sera all’auditorium in via Peroni a Milano. Due ore di discussioni, dati, idee, ospiti illustri e un finale con sorpresa. 

“Parliamo di un mercato di molti miliardi di euro di valore - ha spiegato il deputato monzese prima dell’evento - e di una sostanza che secondo le più importanti riviste mediche ha una minore pericolosità, individuale e sociale, rispetto ad alcol e tabacco, che viene completamente e deliberatamente lasciato nelle mani della criminalità, quando sarebbe sufficiente una normativa di legalizzazione ben fatta perché quei soldi diventassero nuovi posti di lavoro e nuove entrate per lo Stato”. 

“Lo stato incassa più di dodici miliardi l'anno dalle tasse sull'alcol - ha evidenziato Civati - Una stima del professor Rossi dell'università La Sapienza, indica in oltre sei miliardi le potenziali entrate derivanti da una legalizzazione della cannabis, oltre ai risparmi in termini penali e giudiziari”. 

Legalizzare la marijuana, quindi, significherebbe: più entrate per lo Stato, più sicurezza per lo Stato stesso e, evidentemente, meno processi e celle meno affollate. “Riporterebbe nella legalità milioni di italiani e contemporaneamente permetterebbe di infliggere un duro colpo economico alle mafie - ha auspicato Civati - Di controllare le sostanze che vengono assunte, di vietarle ai minorenni e di far risparmiare e incassare tantissimi soldi allo stato”.

“Se uno ha in tasca una cosa di questa, che prima mi è stata data - ha detto Civati, mostrando una canna - non deve finire nei guai se lo fa da maggiorenne, nella legalità e magari a casa propria. E’ un principio minimo che vorremmo veder riconosciuto”. 

Lo stesso Civati a fine convegno si è fatto fotografare nuovamente con lo spinello in mano. E qualcuno, sulla pagina Facebook dell’evento, ironizza: “L’accendiamo?” 

civati fb-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

  • Lissone, dramma in azienda: 53enne muore schiacciato da rullo compressore

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento