Scandalo tangenti Sangalli, il Movimento Cinque Stelle chiede di rimborsare i cittadini

"L'unico modo di rendere giustizia alla città per questa truffaldina gestione è restituire al più presto ai cittadini la parte eccedente di quello che sarebbe stato il corretto costo"

Il Comune di Monza ha rinnovato l’accordo con l’impresa Sangalli per la gestione del servizio di smaltimento dei rifiuti in città, revisionando il testo e ottenendo, in seguito alle note vicende giudiziarie che hanno coinvolto nello scandalo tangenti e appalti la società, risparmi per 4,8 milioni di euro.

Al Movimento Cinque Stelle non è sembrato abbastanza e in consiglio comunale gli esponenti pentastellati Nicola Fuggetta e Gianmarco Novi hanno presentato una mozione che punta al rimborso dei cittadini in materia di tassa sui rifiuti. Il testo depositato parla di “rimborso degli importi pagati in eccesso dai Cittadini Monzesi per la raccolta rifiuti negli ultimi cinque anni a causa delle tariffe frutto delle tangenti dello scandalo Sangalli”.

Nei fatti il Movimento Cinque Stelle chiede un contributo per rimborsare i cittadini per il pagamento di un'imposta “che non ha alcuna relazione con la capacità contributiva nè tantomeno con l'effettiva produzione di rifiuti, che è, ed è stata, un ricchissimo bottino per qualcuno”.

La soluzione “per rendere giustizia alla città per questa truffaldina gestione e per ridare dignità e fiducia alle istituzioni, è restituire al più presto ai cittadini, in modo concreto e fino all'ultimo euro, la parte eccedente di quello che sarebbe stato il corretto costo se non ci fosse stata l'azione criminale atta a farlo salire artificialmente” si legge ancora nel testo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La mozione considera le vicende giudiziarie legate alla Sangalli, che dal 22 ottobre 2009 ha un contratto di appalto con l’amministrazione comunale, una truffa ai danni dei cittadini che per anni hanno pagato una cifra di circa il 20% superiore alla quota versata per il medesimo servizio nei comuni vicini grazie ad accordi stipulati dietro il pagamento di tangenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Bollettino coronavirus 21 ottobre, record di contagi: 4.126 in Lombardia e 671 a Monza e Brianza

  • "Stop a spostamenti e attività dalle 23 alle 5 in Lombardia": la proposta al governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento