menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La posa dell'asfalto

La posa dell'asfalto

Brianza, sulla Milano-Meda arriva l'asfalto del futuro: ecco la strada al grafene

Il nuovo materiale assicura una durata del 250% rispetto al normale asfalto

Un super asfalto in grado di durare il 250% in più rispetto a quello normale. Parte dalla Brianza la sperimentazione dell’asfalto al grafene: Iterchimica, azienda italiana che si occupa di additivi per l’asfalto, insieme a Città metropolitana di Milano realizzerà il rifacimento di un tratto della SP35 Milano-Meda con il nuovo materiale. Si tratta di un test: l’obiettivo è uno solo: confermare i risultati già ottenuti in laboratorio e su strada.

Il progetto per la realizzazione dell’additivo al grafene Gipave, finanziato da un bando di Regione Lombardia, è stato sviluppato con la collaborazione di G.Eco (Gruppo A2A), l’Università degli Studi di Milano Bicocca e Directa Plus. Ad oggi i risultati della sperimentazione hanno dimostrato che Gipave consente di migliorare le prestazioni delle pavimentazioni stradali, con particolare riferimento all’aumento della resilienza e alla diminuzione della suscettibilità termica (anche per forti escursioni di temperatura) e quindi di raddoppiarne la vita utile.

La nuova carreggiata al grafene

Su indicazione di Città metropolitana di Milano, la sperimentazione consiste nel rifacimento dei tre strati della pavimentazione stradale di un tratto di circa 500 metri della Strada Provinciale 35 Milano-Meda, dal km 133+300 al 132+850 in direzione Milano. Nel dettaglio: 200 metri utilizzando bitume modificato “Hard” e 250 metri con asfalto contenente il supermodificante al grafene Gipave.

"Quattro anni fa, usufruendo di un bando di Regione Lombardia, abbiamo iniziato a studiare e a progettare nei nostri laboratori un additivo al grafene e a testarne gli effetti sugli asfalti con risultati impressionanti in termini di durata e aumento della vita utile della pavimentazione. Oggi, insieme a Città metropolitana di Milano, possiamo continuare i test su strada per raccogliere ulteriori dati con un progetto che rispetta tutti i requisiti previsti nei capitolati d’appalto vigenti in Italia”, ha commentato Federica Giannattasio, Amministratore Delegato di Iterchimica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

L'Iss elenca uno a uno tutti gli errori della Lombardia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento