Prenotazioni / San Rocco / Viale Campania

PizzAut apre le prenotazioni: ecco come riservare un tavolo a Monza

La pizzeria dove lavorano ragazzi autistici aprirà ai clienti l'1 maggio

PizzAut a Monza apre (anche) ai clienti. Dall’1 maggio (a due anni esatti dall’inaugurazione della pizzeria a Cassina de Pecchi) si potrà pranzare e cenare nella pizzeria gestita dalle persone autistiche. Da oggi, venerdì 21 aprile, è possibile anche prenotare: nessun numero di telefono, nessuna email, ma direttamente dal sito The Fork (qui il link per accedere).

L’annuncio arriva direttamente da Nico Acampora l’ideatore di PizzAut, il papà di Muggiò che nel 2017 ha deciso di mettersi in pista con questo progetto lavorativo e di inclusione sociale unico nel suo genere. “Anche questa volta apriamo il giorno della Festa dei Lavoratori - ha spiegato - perché vogliamo sottolineare le abilità e le competenze di questi ragazzi speciali”. Sempre l’1 maggio Lorenzo, uno dei camerieri “aut” firmerà il suo contratto di lavoro a tempo indeterminato. “Il 30 aprile - prosegue Acampora - termina il suo tirocinio ed il giorno dopo sarà un vero lavoratore con la tredicesima e la quattordicesima. Questa cosa di prendere lo stipendio in mesi inesistenti manda simpaticamente in confusione i miei ragazzi”.

Nella grande pizzeria monzese che sorge nell’Energy Spring Park (l’area ex Philips diventata famosa per avere ospitato durante la pandemia uno dei centri vaccinali più grandi della Lombardia) lavoreranno 20 ragazzi autistici che si alterneranno su più turni. Sarà un’apertura graduale, non a pieno regime. Inizialmente saranno disponibili sono 120 dei 350 posti a sedere, così da permettere ai ragazzi di iniziare con gradualità a muoversi e lavorare in uno spazio così grande. “È più importante l’inserimento graduale dei ragazzi rispetto al numero dei coperti e agli incassi”, ha ribadito Nico Acampora che da sempre pone al centro del progetto il benessere dei suoi lavori. Tanto che, sollevando anche critiche e perplessità, già in passato aveva deciso di chiudere il ristorante di Cassina de Pecchi in occasione delle feste natalizie ricordando che la vigilia di Natale e il 25 dicembre voleva che i suoi ragazzi lo trascorressero in famiglia e non in cucina e in sala.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

PizzAut apre le prenotazioni: ecco come riservare un tavolo a Monza
MonzaToday è in caricamento