Degrado e sicurezza / San Fruttuoso / Via Boscherona

Falò, rifiuti, musica a palla e sosta selvaggia: il parco monzese nelle mani dei vandali

Un lungo fine settimana di passione per i cittadini che vivono nei pressi della Boscherona, e per gli abituali frequentatori

Anche quelle appena trascorse sono state una Pasqua e una Pasquetta di passione per chi vive nei pressi della Boscherona. La grande area verde monzese è stata – come da previsione – presa d’assalto da tantissime persone che nel lungo fine settimana di festa hanno scelto quell’angolo verde di Monza come luogo per il pranzo e la merenda all’aria aperta. Nulla di male se non fosse che, come da anni denunciano i residenti e i frequentatori della zona, terminata la giornata nel grande prato sono stati “dimenticati” rifiuti, oltre ai ricordi di falò appena spenti. Ma oltre alle “maleducate” invasioni durante i giorni di festa la grande area verde monzese soffre anche dei cronici problemi di una manutenzione non puntuale di piante e arredi.

Un problema, quello della frequentazione della Boscherona, soprattutto nei weekend di primavera e d’estate che da nove anni Roberto Civati, referente del Gruppo Controllo di Vicinato, denuncia. E anche quest’anno alla vigilia di Pasqua e Pasquetta aveva sollevato l’attenzione sui prevedibili problemi. Che, puntualmente, si sono verificati. “Problemi che riguardano anche viabilità e sicurezza, situazioni che hanno coinvolto e coinvolgono esattamente 3 amministrazioni (giunta Scanagatti, giunta Allevi e attualmente giunta Pilotto, ndr) – spiega Civati in una lettera inviata anche a sindaco, assessori e consiglieri -. È impossibile quantificare le numerosissime segnalazioni trasmesse in via ufficiale attraverso mail a tutti gli assessori di competenza che hanno amministrato la nostra città, nonché alle forze dell’ordine”.

E anche questa Pasqua (e Pasquetta) le previsioni di Civati si sono avverate: la Boscherona è stata presa d’assalto dai gitanti poco rispettosi del verde, ma anche del rispetto altrui. “Non siete stati in grado di prevenire e contenere, l’assurdo affollamento e disagio creatosi in un parco lasciato completamente allo sbando da anni – prosegue nella missiva indirizzata all’amministrazione - con piante pericolanti, cancelli aperti, preso d’assalto da 250-300 persone con fuochi accesi sparsi ovunque, con centinaia di auto ad occupare spazi riservati alla comunità e in parcheggi selvaggi, con musica a bomba dalle 11 del mattino fino alle 17 per entrambi i giorni, con innumerevoli telefonate alla polizia locale  di sollecito di  preventivo intervento”.

Roberto Civati e i residenti sono esausti. “Ci sentiamo presi in giro – conclude -. È da anni che facciamo segnalazioni, informiamo preventivamente dei disagi che soprattutto nei fine settimana e nei giorni di festa si possono creare, abbiamo inoltrato segnalazioni anche attraverso le consulte di quartiere ma ad oggi senza risultato. La comunità e i residenti non possono usufruire del parco pubblico della Boscherona per incapacità di manutenzione, gestione e insicurezza”. Una situazione che, alla vigilia dei prossimi ponti del 25 aprile e dell’1 maggio, e soprattutto della bella stagione preoccupano parecchio chi vive nei pressi della grande area verde.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falò, rifiuti, musica a palla e sosta selvaggia: il parco monzese nelle mani dei vandali
MonzaToday è in caricamento