Omicidio di Cesano Maderno: fermate la moglie e la figlia

Le due donne sentite per ore dal pm, poi in carcere in attesa dell'interrogatorio di garanzia col gip

Fermate moglie e figlia

Sono in stato di fermo la moglie e la figlia di Salvatore Marsiglia, l'uomo di 52 anni accoltellato e ucciso venerdì sera a Cesano Maderno.

La tragedia si sarebbe consumata quindi, almeno secondo la prima analisi degli inquirenti, all'interno del nucleo familiare. Le due donne sono state interrogate a lungo dal sostituto procuratore Salvatore Bellomo a Desio presso la caserma dei carabinieri.

Moglie e figlia sono state condotte in carcere a Monza in attesa dell'interrogatorio di garanzia del gip. Sentiti anche fidanzato e nonna della ragazza e alcuni vicini di casa. Secondo la ricostruzione, la moglie Maria Rosa Saitta (49 anni) avrebbe colpito Marsiglia con varie coltellate, mentre Jessica (la figlia 25enne) avrebbe usato un martello.

Salvatore Marsiglia era senza lavoro da due anni: si è saputo che percepiva un'indennità di disoccupazione che cercava di arrotondare con alcuni lavori ogni tanto. Le due donne lavorano. Non risultano né denunce né segnalazioni per liti in famiglia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

Torna su
MonzaToday è in caricamento