MB: tecnici meglio dei politici per tre imprenditori su 5

Il dato monzese supera la media regionale: solo l'8,9% vorrebbe un governo composto esclusivamente da politici, mentre cresce ilò partito dei delusi:per il 23.2% è indifferente. Spaccatura sulla riforma delle pensioni

Il premier Mario Monti

Gli imprenditori di Monza sono stanchi dei politici. Sono dati interessanti quelli diffusi poco fa dall'Ufficio Studi della Camera di Commercio. Numeri che potranno valere qualcosa anche in ottica elettorale. In questo momento, il 65,9% degli imprenditori monzesi pensa che sia necessario un governo composto di soli tecnici: un dato superiore alla media regionale che si attesta al 62,8 %. Monza è la provincia su cui i professori esercitano maggior  fascino: solo a Brescia la percentuale è maggiore (67,7%) mentre a Bergamo il gradimento dei tecnici scende al 47,6%. E proprio gli orobici sembrano mostrare i maggiori rimpianti per la politica: è il 24,4%  a pensarla così, a fronte di una media regionale del 10,7% e di un dato monzese dell'8,9%. Colpisce il dato sull'indifferenza: il 21,3%  a Mb non ha preferenze, un sintomo che può essere forse ricondotto a un generale senso di sfiducia: la media regionale è del 21.8%.

Giudizio complessivamente positivo, ma con qualche titubanza quando gli intervistatori chiedono un giudizio dimerito sull'operato del governo Monti: a Monza il 42,3 % deli imprenditori lo giudica "abbastanza positivo", in linea con la media regionale;"piuttosto negativo" è la risposta del 30,5% , mentre "molto negativo" è la valutazione del 16,7%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


La spaccatura vera e propria si registra sulla riforma delle pensioni, anche se a prevalere sono le considerazioni sulla necessità di un intervento. A livello regionale solo il 27,2% risponde "era necessaria per ammodernare il paese" (dato monzese al 25,6%). Il 33,4% degli imprenditori lombardi  risponde "era necessaria per mancanza di risorse finanziarie (a Monza sono il 34.6%) mentre la maggioranza del campione risponde che "è troppo pesante, e imposta solo dall'Europa" (Mb al 37,1%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I luoghi (che non tutti conoscono) dove fare il bagno in Lombardia

  • Brugherio, incendio nella notte nella pizzeria Lo Stregone: tre famiglie evacuate

  • Coronavirus, un solo nuovo contagio a Monza: sindaco incontra i gestori dei locali

  • Spostamenti fuori regione, la Lombardia rischia di restare "chiusa" altre due settimane

  • Monza, è morta Rossana Lorenzini, la mamma di Pippo Civati

  • Positivo al Covid esce e va in giro: uomo denunciato per 'diffusione di malattia infettiva'

Torna su
MonzaToday è in caricamento