Chioschi in centro: "L'ultima parola spetta alla Soprintendenza"

A commento dell’annunciato ricorso alla Soprintendenza da parte di un gruppo di associazioni culturali l'assessore comunale Abbà ha replicato: "Alla Soprintendenza vanno sottoposti progetti esecutivi, non certo idee di massima"

Spetterà alla Soprintendenza l'ultima parola sul progetto “Le rive del Lambro", che si propone di installare nel capoluogo brianzolo lungo il tragitto che dalla stazione alla Villa Reale tocca tutti i luoghi simbolo della città, alcuni chioschi con funzioni commerciali e turistiche.

Dopo la battaglia dei comitati cittadini e delle associazioni culturali e commerciali di Monza la discussione sul progetto, approvato lo scorso giugno, è entrato nel vivo e dal comune arriva un chiarimento ufficiale in merito alle ultime novità sulla questione dei dehors in centro. "Come già detto nelle settimane scorse, il Comune ribadisce che ogni installazione prevista nel cosiddetto progetto chioschi, dovrà passare al vaglio delle autorità competenti, comunali e preposte alla tutela dei beni storico ambientali”.

A precisare i dettagli dell'iter del progetto è stato l’assessore alle Attività economiche, Carlo Abbà, che ha commentando l’annunciato ricorso alla Soprintendenza da parte di un gruppo di associazioni culturali. “Ciò che il Comune ha sinora approvato, per quel che gli compete – ricorda l’assessore -, è una proposta di massima di un privato, per altro approvata dopo una gara ad evidenza pubblica, che prevede un massimo di 13 installazioni in città, di misura variabile, dai 20 ai 70 mq a seconda delle ubicazioni. Un intervento che in ogni sua singola applicazione dovrà non solo essere compatibile con il contesto storico cittadino ma anche essere complementare con l’offerta commerciale dello specifico sito in cui si andrà a collocare il chiosco”.

“Il Comune – prosegue Abbà -, pur non essendone il promotore, approva l’iniziativa perché migliora tra l’altro la capacità di accoglienza e di informazione ai turisti della ricca offerta culturale cittadina. Inoltre costituisce un presidio contro il degrado e abbandono di alcune aree cittadine, come per altro più volte denunciato da comitati e cittadini. L’amministrazione, allo stato, non ha comunque ancora ricevuto una proposta dettagliata da esaminare. Alla Soprintendenza vanno sottoposti progetti esecutivi, non certo idee di massima”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

Torna su
MonzaToday è in caricamento