menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto da Facebook/Andrea Villa

Foto da Facebook/Andrea Villa

Sale la tensione in aula, consiglio comunale annullato

E' accaduto a Desio

Prima sospeso due volte: infine annullato tra le polemiche. Un consiglio comunale decisamente turbolento giovedì sera a Desio. All’inizio i lavori sono stati interrotti da una vivace protesta di Forza Nuova. Alcuni militanti di estrema destra sono entrati in aula e hanno protestato contro la politica che «accoglie i profughi e lascia gli italiani in grave difficoltà». Prima interruzione.

Appena la seduta è ricominciata, alcuni militanti della Lega Nord ha alzato una bandiera russa con l’aquila bicipite: un chiaro riferimento agli attentati terroristici di San Pietroburgo. Ancora una volta una protesta in chiave anti immigrazione. La discussione si è fatta talmente aspra che il presidente del consiglio, Rocco Cicchetti, ha interrotto la seduta per motivi di ordine pubblico.

«Basta così poco per mettere in crisi qualcuno? – ha commentato stupito il capogruppo della Lega Andrea Villa- A quanto pare si. Era sufficiente far proseguire l'intervento di Luca Ghezzi, che nessuno stava contestando, e sarebbe durato ancora pochi secondi, e tutto sarebbe andato via tranquillo. La decisione del Presidente del consiglio ha provocato la reazione arrabbiata del pubblico presente».

Ma Achille Taccagni, consigliere Pd, ha replicato così: «Non serve sottolineare quanto sia grave interrompere l'organo dove siedono i rappresentanti eletti dai cittadini per creare spazi di confronto, di miglioramento concreto dell'ambiente circostante, di crescita collettiva. Vedo consiglieri ricercare il conflitto giocando sui morti e sulla loro commemorazione Questa deriva è preoccupante».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Come eliminare la puzza di fumo dalla tua casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento