Ludopatia, in Lombardia le misure no slot sono diventate legge

E' stato votato all'unanimità in Consiglio Regionale martedì con 73 sì il provvedimento contro il gioco d'azzardo patologico

73 sì martedì mattina in Consiglio Regionale hanno trasformato il progetto di intervento contro il gioco d’azzardo e le ludopatie in legge.

Tantissime le novità introdotte: agevolazioni fiscali che potrebbero arrivare a mille euro per gli esercenti che opteranno per locali no slot, nessuna sponsorizzazione del gioco d’azzardo sui mezzi pubblici, una distanza obbligatoria da rispettare nell’ubicazione delle macchinette da luoghi sensibili come oratori e scuole e ancora corsi di formazione per i gestori di locali che ospitano slot-machine.

L’approvazione di un provvedimento contro un fenomeno che stava diventando sempre più una piaga sociale è stata votata all’unanimità in aula dai vari gruppi politici.

Ad accogliere il varo del decreto come un prezioso traguardo è stato soprattutto Massimiliano Romeo, presidente del gruppo Lega Nord che ha dichiarato: “La Lombardia si conferma la Regione guida perfino nel contrasto alla ludopatia, battendo sul tempo anche il Parlamento italiano. Da Roma finora non è arrivata nessuna legge ma soltanto un condono vergognoso nei confronti delle grandi società che gestiscono il lucroso affare delle slot-machines nel nostro Paese”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

Torna su
MonzaToday è in caricamento