Riordino province, Pirovano (BG) al CAL: "Usciamo dall'UPI"

MILANO - Non piace a nessuno la proposta di riordino delle province che viene votata oggi al CAL per essere trasferita in consiglio regionale. Persino  Ettore Pirovano, presidente della provincia di Bergamo (una tra quelle non toccate da taglio, ndr) parla di "spodestamento della democrazia" e chiede che le province lombarde escano dall'Upi. È forse la posizione più dura, ma gli altri amministratori sono quasi sulla stessa linea. Almeno nelle premesse. Perché poi a nessuno sfugge che il governo abbia preso un impegno e che questo debba essere rispettato.
COMPETENZE - Un tema ricorrente negli interventi è quello delle competenze. Quali saranno i compiti delle future province? Non è chiaro, e il timore più forte è che le province non abbiano futuro nemmeno per quel che riguarda i compiti che adesso sono loroassegnati. "Governeremo i campi da bocce?" si chiede ancora Pirovano polemicamente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

Torna su
MonzaToday è in caricamento