Martedì, 26 Ottobre 2021
Politica

"Voglio votare": Diana, la 19enne colombiana che "sfida" Maroni

"Sono fiera di essere italiana. Io voglio essere riconosciuta per quello che sono. I miei genitori saranno sempre colombiani, ma io sono nata qui e studiato qui". Si è concluso così l'appello di Diana, una 19enne nata a Monza da genitori colombiani al governatore della Regione.

MILANO - "Io sono fiera di essere italiana. Io voglio essere riconosciuta per quello che sono. I miei genitori saranno sempre colombiani, ma io sono nata qui e studiato qui". Si è concluso così l'appello di Diana, una 19enne nata a Monza da genitori colombiani, rivolto al leader della Lega Roberto Maroni dal palco del congresso lombardo della Cisl.

MARONI A MONZA: "APERTURA DI CREDITO A LETTA" 

La ragazza si è rivolta direttamente al governatore, seduto in prima fila e fra gli oppositori dello "ius soli", per rivendicare i diritti dei nuovi italiani. "Ho un po' di invidia per i miei compagni di scuola - ha spiegato -, che hanno potuto votare e scegliere i propri rappresentanti in Parlamento: farei di tutto per poter partecipare. Penso sia ingiusto, dopo una vita passata qui, per tempi burocratici un po' lunghi non ricevere la cittadinanza". Nel suo caso particolare, infatti, Diana ha detto di aver chiesto lo scorso anno, al raggiungimento della maggiore età, la cittadinanza italiana ma di non averla ancora ottenuta. Maroni le ha poi stretto la mano. "Ho parlato con la ragazza - si è limitato riferire ai cronisti all'uscita -. Da ministro dell'Interno ho snellito le procedure: basta un mese e non cinque anni per la cittadinanza".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Voglio votare": Diana, la 19enne colombiana che "sfida" Maroni

MonzaToday è in caricamento