Politica Villa Reale / Via Tommaso Grossi

Province, la Corte Costituzionale rinvia la decisione sul ricorso

Gli ermellini hanno preso tempo. Da quanto si apprende, la decisione è dovuta alla volontà di non entrare nel merito di una materia ancora in via di cambiamento

MONZA - La Corte Costituzionale ha rinviato a nuovo ruolo l'udienza sui ricorsi presentati dalle Regioni contro il decreto Salva Italia del 4 dicembre scorso che all'articolo 23 ha di fatto 'svuotato' le competenze delle Province e ne ha modificato il sistema elettorale. Secondo quanto si apprende, il presidente della Consulta ha ritenuto di non entrare ancora nel merito di una materia che sta cambiando di nuovo, poiché è in corso di pubblicazione il decreto di riordino, approvato dal Cdm il 31 ottobre.

«E' SUCCESSO QUELLO CHE TEMEVAMO» - «E' successo quello che temevamo: la Corte Costituzionale questa mattina non si è assunta la responsabilità di decidere sul ricorso di ben 8 Regioni italiane che contestavano la legittimità costituzionale del decreto Salva Italia sulle disposizioni legate al destino delle Province. Certamente non è stata casuale la mancata pubblicazione sulla gazzetta ufficiale del nuovo decreto legge sul riordino delle Province, approvato ormai da 5 giorni, fermo nelle stanze del Governo e firmato dal capo dello Stato solo pochi minuti fa». Lo ha affermato il vicepresidente vicario dell'Unione Province italiane (Upi), Antonio Saitta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Province, la Corte Costituzionale rinvia la decisione sul ricorso

MonzaToday è in caricamento