La novità

Ecco il mega progetto per il nuovo campus Esselunga

Per i cittadini un asilo nido, un centro medico e anche una palestra e campi sportivi

Sorgerà a pochi chilometri da Monza il nuovo campus Esselunga.

A Pioltello, dove ha sede il quartier generale della società, è stata infatti approvata la variante che permetterà la realizzazione del nuovo campus al posto di alcuni capannoni dismessi di proprietà dell'azienda. così come riporta anche MilanoToday. L'edificio sarà "Un'opera aperta alla città", ha chiosato la sindaca Ivonne Cosciotti. Con la struttura arriveranno anche un asilo nido, un centro medico ma anche una palestra e campi sportivi (con annessi campi da padel). Il progetto è stato realizzato dallo studio di architettura Sanaa di Kazuyo Sejima e Ryue Nishizawa ed è articolato in un piano terra e uno interrato, si estende su una superficie di 9.600 mq, ed è costituito da un edificio basso con pareti prevalentemente vetrate.

Il piano terra ospiterà uno spazio polifunzionale aperto di oltre 700 mq destinato a convegni o mostre e che sarà dotato anche di un bar - caffetteria. Sempre al piano terra troverà posto un'area sportiva di 800 metri quadri. L’asilo sarà caratterizzato da un grande open space dedicato al gioco, con aule chiuse e spazi delimitati da vetrate curve per varie attività e potrà accogliere fino a 60 bambini in oltre 650 mq. Il grande centro medico di circa 900 mq sarà diviso in due ampie aree circolari: la prima ospiterà l’accettazione e una sala di attesa, mentre nella seconda si troveranno gli studi medici. Le singole aree del piano terra si sviluppano intorno a una grande piazza centrale. Vicino all’edificio sorgeranno due campi da padel, un campo di calcetto e uno da tennis. Al piano interrato, oltre a locali di servizio e agli spogliatoi, sarà collocato l’archivio storico aziendale di 2.500 metri quadrati con annessa area di consultazione.

"L’archivio vuole essere non solo la memoria di un’impresa, ma di un’intera comunità: racconterà come sono cambiati i modelli di consumo, di produzione, di lavoro e di mobilità all’interno della società", precisano dall'azienda. "È vero che si tratta di un intervento di natura privata ma che avrà ripercussioni molto positive sull'intera Città - commenta il vicesindaco Saimon Gaiotto assessore con delega all'Urbanistica - non solo per il grande valore architettonico e artistico dell'opera, una vera opera d'arte, ma anche perché va a riqualificare un'area abbandonata con capannoni dismessi e soprattutto riduce i potenziali residenti perché stralcia un lotto che era già destinato a residenziale. A trarre i maggiori benefici - ha continuato Gaiotto - saranno naturalmente i residenti della zona che si troveranno più parcheggi e il prolungamento di una strada, la via Da Maiano che confluirà in via Consacrazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecco il mega progetto per il nuovo campus Esselunga
MonzaToday è in caricamento