Attualità

La Provincia non fa aspettare: fornitori pagati in tempi record

I pagamenti arrivano 21 giorni prima della scadenza

La Provincia di Monza e Brianza virtuosa e puntuale: non fa aspettare i fornitori e paga prima della scadenza. Precisamente 21 giorni prima della data ultima. Risultando tra le pubbliche amministrazioni più performanti d'Italia.

Un bel risultato, controcorrente rispetto a quello della recente ricerca che vede le aziende (in questo caso private) brianzole al 16esimo posto nella classifica nazionale per la puntualità nei pagamenti ai fornitori.

Dalle attività di analisi e monitoraggio dei debiti commerciali degli enti  - condotte mediante l’utilizzo della Piattaforma dei Crediti Commerciali (PCC) realizzata e gestita dallo stesso Dipartimento – risulta che nel 2020 il tempo medio ponderato con cui la pubblica amministrazione ha saldato i fornitori è stato pari a 45 giorni, con un anticipo di 3 giorni rispetto ai termini previsti dalla legge. La Provincia di Monza e Brianza ha saldato i fornitori con un anticipo medio di 21, 67 giorni.

 Nell’anno della pandemia la perfomance dei pagamenti della Provincia di Monza e Brianza è migliorata: nel 2020 sono state ricevute  2.711 fatture per un valore di 15 miliardi 968 milioni 581mila euro in media 21, 67 giorni in anticipo. Nel 2019 sono state saldate 2.876 fatture con 11,46 giorni di anticipo. Nel 2018 si sono registrati 2.402 pagamenti  saldati in media 13,75 giorni prima.

 “Questo risultato è frutto di una organizzazione del lavoro tra i settori dell’ente che ha funzionato anche con il passaggio al lavoro agile in emergenza e gli investimenti fatti sui sitemi informativi – spiega il presidente della provincia Luca Santambrogio -. La flessibilità del lavoro smart ha permesso di garantire sempre regolarità,  continuità ed efficienza dei servizi rivolti a cittadini ed imprese, migliorando anche i livelli di performances.  La pandemia ci ha permesso di sperimentare una modalità nuova di lavoro che ci ha fornito le prime indicazioni per strutturare le linee guida del  Piano organizzativo del lavoro agile, secondo quanto previsto dal decreto Rilancio”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Provincia non fa aspettare: fornitori pagati in tempi record

MonzaToday è in caricamento