rotate-mobile
Cronaca Seregno

Il sacchetto con la droga abbandonato al binario in stazione scovato da Henry

Il controllo dei carabinieri di Seregno in collaborazione con l’unità K9 del Nucleo Cinofili di Casatenovo

Un sacchetto abbandonato nei pressi del binario 1 della stazione: all'interno c'erano alcuni grammi di droga. A scovare la marijuana, probabilmente nascosta e pronta per essere ceduta, è stato Henry, il cane carabiniere del Nucleo Cinofili di Casatenovo che martedì nel pomeriggio è entrato in azione insieme ai colleghi in divisa della compagnia di Seregno e di una Squadra di intervento operativo del 3° Reggimento carabinieri “Lombardia”.

Nel corso del controllo - che ha tenuto impegnati i militari dal pomeriggio alle prime ore della serata - sono state attenzionate le aree più sensibili del territorio di competenza della compagnia che conta un comprensorio di 16 comuni. Oltre 180 le persone identificate con diverse sanzioni per violazioni in materia di normativa anti-covid.

La droga in stazione

Così come i controlli effettuati nella giornata di domenica, il servizio di prevenzione puntava al contenimento del fenomeno dello spaccio e del consumo di sostanze stupefacenti, dei fenomeni di criminalità urbana e alle verifiche relative al rispetto della normativa anti-contagio covid-19. 

In stazione, a Seregno, è stato controllato il sottopasso che collega i binari con la Piazza XXV Aprile (piazza della stazione) da una parte e con via Comina (quartiere Crocione) e sono state perlustrate le banchine. E proprio al binario uno, il cane “Henry” ha trovato un sacchetto di cellophane con alcuni grammi di marijuana. La sostanza stupefacente è stata sequestrata a carico di ignoti. I carabinieri sono stati impegnati anche presso la stazione ferroviaria di Seveso - dove a ottobre si era consumata una violenta rapina - sono stati controllati entrambi gli accessi di via Raffaello e di Piazza Mazzini, il sottopasso che li collega e un vicino bar e sala-slot. Qui i militari hanno colto un 36enne di Paderno Dugnano che, privo della prevista certificazione verde, stava effettuando delle puntate a una macchinetta videopoker. Per il 36enne e per il titolare dell'attività è scattata una multa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sacchetto con la droga abbandonato al binario in stazione scovato da Henry

MonzaToday è in caricamento