rotate-mobile
degrado

"Cartoline" da Monza: scorci di degrado in città

Le segnalazioni di Monza Plastic Free e l'invito ai cittadini a segnalare, ma soprattutto a non abbandonare i rifiuti

La città in agosto si è svuotata, ma i maleducati sono rimasti e hanno lasciato il loro segno. Così come testimoniano le "cartoline" dei rifiuti abbandonati in città che l'associazione Monza Plastic Free ha inviato alla redazione di MonzaToday.

Le zone a rischio

Le cattive abitudini (di alcuni) non sono cambiate, così che zone poche trafficate e controllate continuano ad essere luogo dove gettare rifiuti (anche ingombranti) che andrebbero smaltiti in discarica. Tra le "mete" preferite c'è sempre la Cascinazza: sacchi neri pieni di immondizia, macerie di cantieri, pezzi di arredo, persino un divano e una scrivania. E poi, come sempre, bottiglie di vetro e di plastica, lattine, resti di cibo. "Nell'ultimo mese abbiamo già fatto due segnalazioni in comune e l'area è stata ripulita - precisa Andrea Barcellesi referente provinciale di Plastic Free -. Ma poi, neanche il tempo di ripulire, che l'area viene nuovamente sporcata".

Discariche estive in città

Idem in via della Blandoria, al confine con il comune di Villasanta. Anche quel corridoio di terra, nei pressi dell'istituto Mapelli, viene spesso utilizzato come discarica a cielo aperto. Anche in quel caso qualcuno ha rinnovato l'arredamento e ha pensato di buttare i mobili vecchi in strada. Oltre a pneumatici, bancali, mattoni. Poi nulla è cambiato nei pressi della discarica. "Abbiamo fatto una segnalazione alcuni mesi fa ma, ad oggi ci sono ancora montagne di rifiuti accatastati", precisa. 

Che cosa fa Monza Plastic Free

L'impegno dei volontari di Monza Plastic Free non si ferma. Con il grande sogno che, oltre alla pulizia delle zone sporcate, ci sia prima di tutto un progetto di prevenzione dell'abbandono dei rifiuti. "Invitiamo sempre a segnalare tramite i canali ufficiali, le situazioni di abbandono - ribadisce Andrea Barcellesi -. Purtroppo questo è un problema presente da anni e mai affrontato seriamente. Alle numerose segnalazioni che facciamo il comune risponde rapidamente nel ripulire, confidiamo che la prevenzione sia uno dei prossimi obiettivi da implementare". L'associazione si è già mossa su questo fronte: oltre alle numerose raccolte organizzate in città (la prossima il 2 ottobre) i volontari entrano nelle scuole e parlano del progetto ambientale alle nuove generazioni. Insieme ad altre associazioni cittadine sensibili al problema monitorano il territorio e segnalano eventuali situazioni di abbandono dei rifiuti, spesso anche dei cestini utilizzati come pattumiera domestica.  Dalla firma del patto di collaborazione con il comune di Monza (il 3 luglio 2021) Monza Plastic Free ha organizzato 9 raccolte, presentato il progetto in 5 consulte, e promossi 6 incontri di sensibilizzazione nelle scuole della città. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Cartoline" da Monza: scorci di degrado in città

MonzaToday è in caricamento