Mandato d'arresto per il consigliere regionale Massimo Ponzoni

Non eseguito perché si trova all'estero: insieme a lui due imprenditori e il vicepresidente della provincia Brambilla. La guardia di finanza ha perquisito uffici in consiglio regionale e a Desio. L'accusa è di bancarotta per il crac della Pellicano

Mandato d'arresto per Massimo Ponzoni, accusato di bancarotta per il crac della società Pellicano. Ponzoni, attualmente consigliere regionale, è stato assessore. Il mandato non è stato ancora eseguito perché Ponzoni è all'estero.

PRIMI DETTAGLI SULL'INCHIESTA

SCHEDA - ANTONINO BRAMBILLA

SCHEDA - MASSIMO PONZONI

Non è l'unico coinvolto: la guardia di finanza ha arrestato Antonino Brambilla (vicepresidente della provincia di Monza e Brianza) e altre tre persone: due imprenditori (Rosario Perri, ex assessore provinciale, e Filippo Duzzoni) e Franco Riva (ex sindaco di Giussano).

L'AVVOCATO DI PONZONI: "E' IN FRANCIA, TORNERA' E CHIARIRA' DI ESSERE ESTRANEO"

Sarebbe una lettera sequestrata dalla guardia di finanza a un certo Pennati, per anni socio di Massimo Ponzoni, la "base" del mandato d'arresto per il consigliere regionale del Pdl. Nella lettera sarebbero contenute tutte le 'malefatte' di Ponzoni, con nomi, cifre, favori, appalti e vacanze pagate non solo a Ponzoni ma anche ad altri esponenti politici.

Stando alle parole dell'ex socio, tramite la società immobiliare Mais (che fino al 2005 sarebbe stata controllata anche dallo stesso Ponzoni), sarebbero stati pagati noleggi di barche e vacanze esotiche sia a Ponzoni sia, addirittura, al governatore Formigoni. Secondo le fonti d'agenzia, nella lettera sarebbe scritto che Ponzoni "si è fatto versare, parte in contanti e parte alla Mistral immobiliare di sua proprietà, almeno 600mila euro al fine di cambiare destinazione d'uso di un terreno sito in Desio. La stessa immobiliare Mais ha pagato varie volte noleggi di barche e vacane esotiche allo stesso Ponzoni e al suo capo Formigoni".

Perquisizioni si sono svolte negli uffici del consiglio regionale e presso il comune di Desio, dove Perri ha diretto per anni l'ufficio tecnico.

REAZIONI: L'INTERVISTA AD ANNA MANCUSO (FLI)

ALTRE REAZIONI

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • I vestiti sporchi di sangue in lavatrice e il coltello rimesso a posto, fermati due minorenni per l'omicidio di Cristian

  • Natale low cost: 11 idee regalo a meno di 20 euro per gli amici e la famiglia

  • Brugherio, troppi clienti dentro il negozio nel centro commerciale: multa e attività chiusa

Torna su
MonzaToday è in caricamento