Sicurezza / San Donato / Via Michelangelo Buonarroti

La via più pericolosa di Monza finisce on line con una mappa con tutti gli incidenti

A realizzarla Umberto Tesoro, un residente che lancia all'amministrazione anche un progetto per risolvere il problema

Sette incidenti stradali, di cui uno mortale che ha visto un ragazzino di 11 anni perdere la vita, un’edicola distrutta fortunatamente quando il chiosco era chiuso e sul marciapiede non transitavano pedoni. E poi una ragazzina di 13 anni investita. Intanto i residenti che continuano a lamentarsi per una strada super trafficata e scambiata per il circuito di Formula 1. Si tratta di via Buonarroti.

Adesso una tra le strade più pericolose di Monza è finita in rete, con una mappa su Google dove sono indicati tutti gli incidenti che si sono registrati nella via. A realizzarla Umbero Tesoro, residente e persona molto sensibile al tema della sicurezza in città. Fu proprio lui a realizzare “Monza al buio” la mappa in costante aggiornamento dove vengono indicati tutti i lampioni spenti. Una mappa che viene aggiornata costantemente con le segnalazioni dirette dei cittadini. Ed è stato ancora Umberto Tesoro ha collaborato con il gruppo Controllo di Vicinato, Legambiente e Monza Plastic Free nella realizzazione di una mappa delle discariche abusive a Monza.

Adesso Umberto Tesoro si rivolge nuovamente alle rete con la realizzazione della mappa con tutti gli incidenti che si sono verificati in via Buonarroti: lo scorso 20 ottobre all’altezza del civico 101 è stato investito un uomo di 85 anni; pochi giorni prima una ragazzina di 13 anni è stata investita in via Mentana a pochi metri dall’incrocio con via Buonarroti; ad agosto all’altezza del civico 128 un automobilista ha perso il controllo del mezzo ed è finito con l’auto direttamente nel cortile di una palazzina; ad aprile all’altezza del civico 189 è stato investito mortalmente un bambino di 11 anni; sempre nel mese di aprile un mezzo della Sangalli si è ribaltato; nell’agosto del 2022 un automobilista proprio alla rotonda ha sbandato e ha centrato in pieno il chiosco dell’edicola che, fortunatamente, era chiusa.

“Servono interventi urgenti - spiega Umberto Tesoro alla redazione di MonzaToday -. Questi sono solo gli incidenti gravi, riportati dalla stampa, ma ce ne sono molti altri fortunatamente senza gravi conseguenze”. Via Buonarroti non è solo un’importante arteria stradale, ma anche una via con la presenza di 3 scuole (un asilo e due dell’infanzia) dove ogni giorno – soprattutto a determinati orari – c’è un importante flusso di persone e di bambini. Tesoro è categorico. “Non si può ancora rischiare - conclude -. Bisogna intervenire in fretta istituendo lungo tutta la via area a 30km/h e installando gli autovelox”. Per salvare le vite quindi maggiori controlli e dissuasori di velocità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La via più pericolosa di Monza finisce on line con una mappa con tutti gli incidenti
MonzaToday è in caricamento